Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PALERMO RICORDA LA STRAGE DI VIA D’AMELIO, IL PM DI MATTEO TUONA

PALERMO RICORDA LA STRAGE DI VIA D’AMELIO, IL PM DI MATTEO TUONA

Nel 22esimo anniversario dell'eccidio di Via D'Amelio i cittadini palermitani hanno ricordato il giudice Paolo Borsellino e gli uomini della sua scorta. Durante la giornata dibattiti e manifestazioni hanno animato il ricordo del magistrato, poi la consueta fiaccolata. Nel giorno del ricordo di via D'Amelio il magistrato Nino Di Matteo lancia pesanti accuse da Palermo: "Non si può commemorare Borsellino e assistere in silenzio ai tentativi di ridurre l'indipendenza dei giudici. E perché il premier discute di riforme con un condannato?"

Print Friendly, PDF & Email

PALERMO RICORDA LA STRAGE DI VIA D’AMELIO, IL PM DI MATTEO TUONA

di_matteo_magistrato_pa

nella foto il magistrato Nino Di Matteo

Palermo. Via D’amelio, nel giorno della commemorazione in onore del giudice Paolo Borsellino ucciso con la sua scorta dalla mafia, il pm Nino Di Matteo da Palermo tuona: “Non si può ricordare Borsellino – dice il magistrato – e assistere in silenzio ai tanti tentativi in atto finalizzate a ridurre l’indipendenza della magistratura a vuota enunciazione formale con lo scopo di comprimere e annullare l’autonomia del singolo pubblico ministero”. E poi, Di Matteo continua: “Non si può assistere in silenzio al tentativo di trasformare il pm in un burocrate sottoposto alla volontà del proprio capo, di quei dirigenti sempre più spesso nominati da un Csm che rischia di essere schiacciato e condizionato dalle pretese correntizie e da indicazioni sempre più stringenti del suo presidente”. Nel suo intervento Di Matteo si rivolge anche a Silvio Berlusconi e al presidente del consiglio dei ministri, Matteo Renzi: “Oggi un esponente politico, dopo essere stato definitivamente condannato per gravi reati, discute, con il presidente del Consiglio in carica di riformare la legge elettorale e quella Costituzione alla quale Paolo Borsellino aveva giurato quella fedeltà che ha osservato fino all’ultimo suo respiro”. E ancora, evidenzia: “In una sentenza definitiva della Corte di Cassazione è accertato che un partito politico, divenuto forza di governo nel 1994, ha poco prima annoverato tra i suoi ideatori e fondatori un soggetto da molto tempo colluso con gli esponenti di vertice di Cosa nostra e che da molti anni fungeva da intermediario consapevole dei loro rapporti con l’imprenditore milanese che di quel partito politico divenne, fin da subito, esponente apicale”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook