PALERMO. BORSELLINO ALLA BINDI, “ISTITUIRE UNA COMMISSIONE SULLA TRATTATIVA”

PALERMO. BORSELLINO ALLA BINDI, “ISTITUIRE UNA COMMISSIONE SULLA TRATTATIVA”

Quando Bindi è arrivata davanti all'Ulivo ai piedi dell'abitazione le agende rosse le hanno rivolto le spalle e alzato le agende rosse in mano. La Bindi a chi le chiedeva conto di aver fatto accordi con Berlusconi ha poi risposto: "da parte mia mai fatti accordi con Berlusconi - finora la posizione della commissione antimafia è dipesa dalla preoccupazione di non volere interferire con i processi in corso a Caltanissetta e a Palermo.

Print Friendly, PDF & Email

 PALERMO. BORSELLINO ALLA BINDI, “ISTITUIRE UNA COMMISSIONE SULLA TRATTATIVA”

Palermo. Salvatore Borsellino e la sorella Rita interpellano la presidente della commissione antimafia Rosy Bindi arrivata in via D’Amelio: “Chiediamo di istituire una sottocommissione specialistica sulla trattativa Stato mafia, non esiste un comitato per le stragi del ’92-93, le sovrapposizioni tra mafia e Stato sono il vero problema di questo Paese. Una commissione antimafia senza il supporto di questa sottocommissione è vuota”. Dopo una breve contestazione delle agende rosse appena è arrivata Rosy Bindi un attivista le ha mostrato un opuscolo intitolato “Colle center” e un altro consigliere comunale del M5s di Pescara le ha detto: “La sua presenza serve a poco se fate gli accordi con Berlusconi”. Quando Bindi è arrivata davanti all’Ulivo ai piedi dell’abitazione le agende rosse le hanno rivolto le spalle e alzato le agende rosse in mano. La Bindi a chi le chiedeva conto di aver fatto accordi con Berlusconi ha poi risposto: “da parte mia mai fatti accordi con Berlusconi – finora la posizione della commissione antimafia è dipesa dalla preoccupazione di non volere interferire con i processi in corso a Caltanissetta e a Palermo, il che non vuol dire che ci sia disinteresse su questi fatti ma si tratta di un orientamento preciso per il rispetto dei rapporti tra le istituzioni”. Poi la Bindi concludendo ha evidenziato: “Del resto, il primo atto della commissione dal suo insediamento è stato quello di venire a Palermo e di incontrare il giudice Di Matteo”. In via D’Amelio, sono arrivati anche i magistrati Nino Di Matteo e Sebastiano Ardita. Di Matteo ha salutato la Bindi ringraziandola per la sua presenza. L’incontro si è concluso cordialmente con il reciproco impegno di approfondire questi temi.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook