Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

SMALTIMENTO RIFIUTI: ARRESTATI FUNZIONARIO E 4 IMPRENDITORI

SMALTIMENTO RIFIUTI: ARRESTATI FUNZIONARIO E 4 IMPRENDITORI

In manette cinque persone: l'amministratore delegato della discarica di Mazzarrà Sant'Andrea (Me) e il titolare dell'impianto di Motta Sant'Anastasia (Ct) e della Soambiente di Agrigento. Arrestato anche un funzionario dell'assessorato regionale al Territorio e ambiente che secondo l’accusa avrebbe agevolato il rilascio e il rinnovo delle autorizzazioni in cambio di mazzette e prostitute.

Print Friendly, PDF & Email

SMALTIMENTO RIFIUTI: ARRESTATI FUNZIONARIO E 4 IMPRENDITORI

Smaltimento rifiuti. Sono cinque le persone arrestate questa mattina nel corso dell’operazione ‘Terra Mia’ condotta dalla Polizia di Stato: quattro imprenditori e un funzionario regionale, Gianfranco Cannova. Il provvedimento è stato emesso dal Gip, su richiesta della Procura della Repubblica di Palermo. Gli accusati sono incriminati a vario titolo di corruzione nell’ambito dei procedimenti amministrativi volti al rilascio e rinnovo delle autorizzazioni per lo smaltimento dei rifiuti. In manette sono finiti: Domenico Proto, 48 anni, titolare discarica di Motta Sant’Anastasia (Ct); i fratelli Calogero e Nicolò Sodano, 54 anni e 53 anni, titolari della discarica Soambiente ad Agrigento; Giuseppe Antonioli 53 anni, amministratore delegato della discarica di Mazzarrà Sant’Andrea (Me), Gianfranco Cannova, 56 anni, funzionario regionale dell’assessorato Territorio e ambiente. Le indagini sono state condotte dagli agenti di polizia di Palermo, con l’ausilio dei colleghi di Agrigento ed erano iniziate nel 2011 e poi si sono protratte ancora per due anni. Durante le ricerche, la Polizia di Stato ha constatato che “questo settore amministrativo è caratterizzato da una stratificazione normativa e da un complesso e macchinoso apparato burocratico”. Secondo gli investigatori, norme farraginose che hanno permesso nelle diverse fasi della procedura amministrativa, al funzionario infedele di “destreggiarsi” nella gestione delle procedure connesse al rilascio dei provvedimenti. Questa prassi ha agevolato gli imprenditori preservandoli dall’ordinaria attività di controllo e monitoraggio della pubblica amministrazione in merito alle modalità di gestione delle discariche e dello smaltimento dei rifiuti, consentendo loro in questo modo di superare tranquillamente tutti i controlli. Secondo gli inquirenti è molto grave il quadro di corruzione riscontrato, infatti ha messo a repentaglio la preservazione del territorio da gravi danni ambientali e soprattutto la salute pubblica.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook