Archiviato in | Musica, Spettacolo

MAX PEZZALI E IL SUO MONDO MUSICALE – INTERVISTA

MAX PEZZALI E IL SUO MONDO MUSICALE – INTERVISTA

Tutta la Sicilia ha accolto Max Pezzali durante la sua partecipazione al Radio Dee Jay Tour- Coast to Coast che si è svolto a Catania. Presenti in prima fila anche i componenti del “Max Pezzali Mania”.

Print Friendly, PDF & Email

Un pubblico caloroso e proveniente da tutta la Sicilia ha accolto Max Pezzali durante la sua partecipazione al Radio Dee Jay Tour- Coast to Coast che si è svolto a Catania. Presenti in prima fila anche i componenti del “Max Pezzali Mania”.

In questi giorni sul web è uscita la notizia che eri passato a miglior vita.

“Mah si, una notizia di qualche bontempone. Diversi gli amici che mi hanno chiamato e mi hanno chiesto ma sei vivo? Se rispondo si! Va bene così”.

Recentemente ti sei avvicinato a Mauro Repetto. Continuate a sentirvi?

“Assolutamente si. Ci sentiamo via e-mail. Prevedo che qualcosa faremo. C’è una grande sintonia tra me e lui che va oltre al lavoro. Ci sentiamo magari solo per stupidaggini però poi da li vengono le idee”.

Oggi come vedi il mondo musicale?

“E’ un mondo nel quale sono caduti alcuni presupposti che lo tenevano in piedi prima. Fondamentalmente sono caduti dei meccanismi industriali che c’erano prima ma ancora non è nato uno schema industriale praticabile. È una fase di transizione che dura da tanti anni. Non è ancora partito il nuovo mondo ma è finito quello vecchio. È un momento in cui si deve fare un buon lavoro e navigare a vista”.

Qui a Catania insieme a te sono saliti sul palco Emis Killa e J-Ax. Due cantanti con cui hai più volte collaborato. Allora esiste l’amicizia in questo ambiente?

“Assolutamente si. Oggi l’amicizia è uno dei collanti fondamentali. L’amicizia e la stima reciproca sono fondamentali. È un fatto generazione perchè sono cresciuto con una visione plurale e corale della musica. Non vedo gli orticelli da mantenere. Faccio le cose che mi sento di fare con chi mi sento di fare. Il pubblico è uno e credo che apprezzi queste scelte”.

Nell’era di internet, sono cambiati i giovani rispetto vent’anni fa?

“Cambiano gli strumenti. Sicuramente è una generazione che ha una grossa componente tecnologica nella propria vita e nel mondo di comunicare. Alla fine credo che però sogni, obiettivi, frustrazioni e speranze siano un po simili a tutte le generazioni”.

Ti vedremo ad un talent e a Sanremo?

“Non sono bravo a giudicare e a dare consigli. Sono uno al di fuori delle regole perchè il grosso di questo lavoro non sta nella tecnica ma nell’avere qualcosa di dire. Per Sanremo non mi interessa andarci perchè non sono adatto per quel tipo di situazione. Sono andato due volte e non mi sono divertito”.

Ti mancano gli 883?

“No, non sono mai nostalgico. Ho un grande senso critico e ricordo anche gli aspetti negativi del passato. Ah come era bella la macchina che avevo prima… ma vaffa** non aveva il servosterzo, non aveva il servofreno. È facile dire però che belline… Poi dopo pensi ecco perchè l’ho venduta”.

Utilizzando il titolo di una tua canzone. In Italia chi potrebbe essere “Il Presidente di tutto il mondo”?

“Dal punto di vista del consenso assoluto, sicuramente Matteo. Gode di una fiducia incondizionata da parte del 42% del paese. A differenza del protagonista della canzone, credo che lui non si senta onnipotente perchè ogni giorno deve affrontare delle battaglie che lo portano di fronte alla realtà di un paese in cui è difficile fare le cose ma è vitale farle”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook