GELA (CL): LAVORATORI IN AGITAZIONE BLOCCANO INGRESSO ENI

GELA (CL): LAVORATORI IN AGITAZIONE BLOCCANO INGRESSO ENI

Il Prefetto di Caltanissetta, Carmine Valente, potrebbe decidere la precettazione del personale che riguarda una cinquantina di lavoratori turnisti per garantire i servizi di sicurezza ed emergenza. Intanto nelle adiacenze del petrolchimico di Gela continua l'assedio dalle maestranze. Proseguono, infatti, i blocchi spontanei nelle vie d'accesso alla raffineria Eni

Print Friendly, PDF & Email

 GELA (CL): LAVORATORI IN AGITAZIONE BLOCCANO INGRESSO ENI

Gela. Proseguono, i blocchi spontanei nelle vie d’accesso alla raffineria Eni mentre sono in arrivo, sul piazzale antistante l’approdo del Gasdotto libico “GreenStream”, sindaci e consiglieri comunali di una decina di comuni siciliani. Intanto, il prefetto di Caltanissetta Carmine Valente decide di precettare circa cinquanta lavoratori turnisti per garantire i servizi di sicurezza e di emergenza nel petrolchimico di Gela assediato dai lavoratori. La precettazione dei turnisti che si accinge a emanare il Prefetto mira a garantire il cambio turno ai lavoratori che si trovano in fabbrica da oltre 30 ore in condizioni di estrema stanchezza, ma dai blocchi alle vie di accesso non passa nessuno. Da qui la decisione del prefetto di convocare ieri sera i dirigenti dello stabilimento, i sindacati e il sindaco Angelo Fasulo. La precettazione è apparsa come l’unica strada percorribile. Anche l’Ecorigen chiede la precettazione del suo personale. Gli impianti in funzione e non necessari alla sicurezza della fabbrica, dovranno essere fermati e posti in stato di conservazione, mentre si dovrà garantire la presenza degli operai in reparti che vanno mantenuti attivi: come il settore biologico, una parte della centrale termoelettrica per fornire vapore e corrente interna, il reparto frazionamento aria e la squadra antincendio.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook