Archiviato in | Cronaca Sindacale, Lavoro

GELA (CL): ENI, A CASA 15 DIPENDENTI

GELA (CL): ENI, A CASA 15 DIPENDENTI

L’Eni licenzia i primi 15 dipendenti di un'impresa appaltatrice. I sindacati invocano lo sciopero generale. Grande tensione stamane davanti alla raffineria. Il segretario nazionale Filctem-Cgil, Emilio Miceli in una nota esprime tutto il suo rammarico: "Non possono venire a dirci che è difficile gestire gli impianti di Gela mentre l'Eni non batte ciglio davanti a situazioni di conflitti armati come quelle di Libia, Nigeria o Afghanistan, dove piuttosto si continua a investire denaro".

Print Friendly, PDF & Email

GELA (CL): ENI, A CASA 15 DIPENDENTI

Gela. Non si è concretizzata la trattativa per utilizzare lo strumento della mobilità e già dall’azienda sono state inviate le prime lettere di risoluzione del rapporto di lavoro a decorrere dal 12 luglio. Arrivano come una doccia fredda i primi licenziamenti al petrolchimico di Gela, conseguenza diretta della mancanza di commesse di lavoro. La notizia arriva mentre i sindacati annunciano lo sciopero generale. La comunicazione riguarda 15 dei 40 dipendenti della “Riva e Mariani”, un’impresa appaltatrice che opera nel settore della coibentazione e dell’isolamento termico di apparecchiature e tubazioni. E dopo l’annuncio dei licenziamenti è salita la tensione tra le maestranze che presidiano i blocchi sorti spontaneamente lungo le vie di accesso della raffineria, da quando l’Eni ha revocato gli investimenti, annullato i programmi di riqualificazione produttiva e annunciato il fermo definitivo delle linee di raffinazione del greggio, riducendo di fatto lo stabilimento a deposito costiero di carburanti. Da oggi i dimostranti non consentono il transito a nessuno. Bloccato anche il cambio dei lavoratori turnisti. Nella fabbrica sono rimasti in servizio quelli del turno di notte. Già ieri i sindacati avevano annunciato l’inasprimento della protesta. La direzione della raffineria si accinge a chiedere al prefetto di Caltanissetta la precettazione del personale addetto al lavoro in turno negli impianti di sicurezza tuttora in marcia, come la centrale termoelettrica, il depuratore biologico, il trattamento acqua e il frazionamento area nonché per i vigili aziendali del servizio antincendio. Quindi, si fa sempre più agitata la vicenda del petrolchimico di Gela. I sindacati, Cgil, Cisl e Uil hanno confermato la linea dura e, dopo un incontro con le altre sigle sindacali, hanno proclamato uno sciopero nazionale dei lavoratori dell’energia nei siti Eni italiani a sostegno della vertenza Gela, contro la decisione aziendale di chiudere la raffineria e cancellare i previsti 700 milioni di investimento. Il segretario nazionale Filctem-Cgil, Emilio Miceli in una nota esprime tutto il suo rammarico: “Non possono venire a dirci che è difficile gestire gli impianti di Gela mentre l’Eni non batte ciglio davanti a situazioni di conflitti armati come quelle di Libia, Nigeria o Afghanistan, dove piuttosto si continua a investire denaro”. Da poco la notizia che un’altra impresa, l’azienda chimica francese “Ecorigen”, che effettua lavori di rigenerazione dei catalizzatori per l’industria petrolchimica, vede a rischio la propria attività perché il fermo prolungato della raffineria non le garantisce più la fornitura di gas come l’idrogeno e l’acido solfidrico, usati come materie prime per i processi di lavorazione. In pericolo 90 posti di lavoro, di cui 45 nel diretto e altrettanti nell’indotto.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook