Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

ALCAMO (TP): BIMBO MUORE INGERENDO ANTIDEPRESSIVI

ALCAMO (TP): BIMBO MUORE INGERENDO ANTIDEPRESSIVI

Secondo le prime indagini, sembrava che il piccolo di 5 anni avesse ingerito i farmaci autonomamente. Da un’analisi della vicenda più accurata, gli inquirenti sospettano che a dargli le medicine mortali sia stata la madre che risulta essere da tempo malata. la madre è accusata di omicidio e lo potrebbe confermare una lettera autografa della donna.

Print Friendly, PDF & Email

ALCAMO (TP): BIMBO MUORE INGERENDO ANTIDEPRESSIVI

Alcamo. La madre del piccolo di 5 anni deceduto ieri mattina ad Alcamo in provincia di Trapani è stata fermata con l’accusa di omicidio volontario. Inutile ieri mattina l’intervento di un’ambulanza del 118. Per il bambino non c’è stato nulla da fare. Quando è scattato l’allarme era già morto. I soccorritori hanno assistito impotenti allo strazio della donna. Gli inquirenti inizialmente pensavano che il bambino avesse assunto degli psicofarmaci utilizzati dalla donna autonomamente. Invece da ulteriori indagini il sospetto, che a dare le medicine al bambino sia stata la madre, da tempo soffriva di violente crisi depressive. La donna, 33 anni, di origini messicane, risulta separata da qualche anno dal marito, di Alcamo di professione pizzaiolo e residente in Germania. La causa della depressione della madre del piccolo, pare sarebbe la brutta relazione con l’ex coniuge che la donna in passato avrebbe denunciato per maltrattamenti. La presunta omicida è stata interrogata per tutta la notte dagli inquirenti. Nel racconto della drammatica vicenda, la madre ha sempre sostenuto di avere trovato il figlio morto nel lettino ieri mattina: ma questa versione dei fatti non ha convinto del tutto gli inquirenti. Dai fatti, non risulta convincente anche che il bambino sia riuscito ad aprire il flacone dei farmaci che è dotato di una chiusura di sicurezza. Si continua a indagare sull’esatta dinamica della tragedia. L’unica certezza è che gli inquirenti escludono qualsiasi forma di violenza sul bambino. La giovane madre, che abita in una casa modesta del centro storico di Alcamo, viene descritta dai vicini di casa come una donna tranquilla e molto legata al figlio, anche profondamente prostrata da una difficile situazione familiare ed economica. Madre e figlio vivevano di stenti, ed erano aiutati dalla parrocchia e dagli stessi vicini, ma anche dai Servizi sociali, che a conoscenza dello stato di bisogno della donna, hanno cercato di sostenerla anche dal punto di vista psicologico. Nell’abitazione in cui la donna viveva col figlio sarebbe stata trovata una lettera in cui, in termini molto confusi, la messicana dava disposizioni annunciando la morte propria e del figlio e chiedeva che non venisse eseguita l’autopsia sui loro corpi. L’esame necroscopico del piccolo è fissato per domani, quando l’ex marito della donna arriverà in Italia.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook