GELA (CL): CROCETTA A ROMA PER ENI E TRIVELLAZIONI PETROLIFERE

GELA (CL): CROCETTA A ROMA PER ENI E TRIVELLAZIONI PETROLIFERE

Il Presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta in missione a Roma sarà ascoltato in Commissione ambiente al Senato. Mentre a Gela proseguono le iniziative di protesta dei lavoratori del petrolchimico.

Print Friendly, PDF & Email

GELA (CL): CROCETTA A ROMA PER ENI E TRIVELLAZIONI PETROLIFERE

Gela. Vertenza Eni, il presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta sarà al centro di un incontro che si terrà oggi pomeriggio, alle 16, alla Cgil di Gela tra delegati e iscritti della Filctem Cgil. Per l’occasione saranno presenti: il segretario generale nazionale, Emilio Miceli, che ha preso parte al tavolo con Eni nel cui ambito si è registrata la rottura delle trattative, e il segretario della Filctem Sicilia, Giuseppe D’Aquila. Intanto, all’insegna della protesta proseguono presidi e iniziative dei lavoratori che si protrarranno durante la settimana durante la quale sarà trattata la vertenza a livello nazionale e regionale. Il 18, inoltre, la Filctem terrà sull’argomento una riunione nazionale dei quadri e dei delegati e secondo quanto affermato dal segretario generale della Filctem regionale D’Aquila: “in questa sede dalla Sicilia verrà la proposta dello sciopero generale”. Dall’altro versante, il presidente della Regione, Rosario Crocetta sarà ascoltato domani, alle 13.30, dalla commissione Ambiente al Senato che sarà presieduta dal sen. Giuseppe Marinello. Tra i punti in discussione anche il rischio trivellazioni petrolifere. In una nota pervenuta, la Commissione di senatori vorrebbe approfondire i contenuti del protocollo siglato a Palazzo d’Orleans alcuni giorni fa, perché da una prima lettura sono state riscontrate dichiarazioni d’intenti che, nei fatti, potrebbero danneggiare l’ambiente. Inoltre, Crocetta sarà sentito anche sulla vicenda che riguarda i problemi dell’Eni che ha deciso di non riavviare almeno una delle tre linee produttive della raffineria di Gela e di revocare 700 milioni di investimenti attuando anche delle dismisioni.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook