GELA (CL): ADESIONE CONSORZIO CATANIA, NIENTE QUORUM

GELA (CL): ADESIONE CONSORZIO CATANIA, NIENTE QUORUM

A Gela non si è raggiunto il quorum delle votazioni che prevedevano il passaggio per l’adesione al libero consorzio dei comuni di Catania. Gli elettori erano chiamati a pronunciarsi con un Sì o No, all'adesione, abbandonando definitivamente la provincia di Caltanissetta. Niente quorum, e i cittadini di Gela restano in provincia di Caltanissetta.

Print Friendly, PDF & Email

GELA (CL): ADESIONE CONSORZIO CATANIA, NIENTE QUORUM

Gela. Il risultato ha sancito la vittoria dei Sì con il 99,9% quindi la città resta nella provincia di Caltanissetta. Il referendum non ha raggiunto il quorum del 50% +1 dei partecipanti e a Gela è saltata la prima esperienza di partecipazione popolare a scelte di appartenenza territoriale. Gli elettori erano stati chiamati a pronunciarsi con un Sì o No, sull’adesione al libero consorzio di comuni di Catania, che prevedeva l’abbandono definitivo della provincia di Caltanissetta. Il risultato ottenuto alla chiusura dei 71 seggi della città ha espresso solo 23.725 elettori pari al 36,14% degli aventi diritto circa 68 mila cittadini. Scontato e di poco valore il risultato che ha sancito la vittoria dei Sì con il 99,9%. Alle urne hanno votato più uomini che donne. I partiti politici non hanno partecipato alla competizione elettorale. In prima linea solo movimenti spontanei e amministratori che a titolo personale hanno preso posizione. I gelesi disertando le urne, hanno vanificato la delibera con cui il consiglio comunale aveva sancito, all’unanimità, l’adesione cittadina al libero consorzio di comuni catanese. Profonda delusione e amarezza tra i componenti del “Comitato per lo sviluppo dell’area gelese”, diretto da Filippo Francone, che lavorava da anni a un risultato positivo, prima con la ricerca di adesioni di comuni limitrofi a una potenziale nuova provincia regionale, poi con la presentazione della prima proposta di legge su iniziativa popolare (bocciata dall’Ars in commissione), infine con gli strumenti messi a disposizione dalle recente legge regionale di riforma delle province siciliane. Durante il referendum i gelesi sono stati distratti verso altre tematiche più urgenti come per esempio l’allarmante situazione economia e occupazionale che si è determinata al petrolchimico con la decisione dell’Eni di revocare gli investimenti, annunciando dismissioni della struttura.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook