Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: MORTE DEVOTO, CURIA IN CRISI, STOP AL RISARCIMENTO

CATANIA: MORTE DEVOTO, CURIA IN CRISI, STOP AL RISARCIMENTO

Sospesa provvisoriamente la sentenza che aveva condannato l'Arcidiocesi a versare 600 mila euro per la morte del devoto di Sant'Agata nel 2004. Corte d’appello sospende provvisoriamente l'esecutività della sentenza del Tribunale civile che il 30 maggio scorso aveva condannato, tra gli altri, l'Arcidiocesi a risarcire 600mila euro per la morte del devoto di S. Agata, Roberto Calì, travolto dai fedeli in corsa sulla salita di Sangiuliano, nel 2004.

Print Friendly, PDF & Email

 CATANIA: MORTE DEVOTO, CURIA IN CRISI, STOP AL RISARCIMENTO

Catania. Il presidente della Corte d’appello di Catania, Alfio Scuto, sospende provvisoriamente l’esecutività della sentenza del Tribunale civile che il 30 maggio scorso aveva condannato, tra gli altri, l’Arcidiocesi a risarcire 600mila euro per la morte del devoto di S. Agata, Roberto Calì, travolto dai fedeli in corsa sulla salita di Sangiuliano, nel 2004. Nella sentenza d’appello il presidente scrive: “Il blocco del patrimonio della Chiesa e delle risorse monetarie comporterebbe l’impossibilità di assolvere alle attività caritatevoli in favore di migliaia di cittadini che giornalmente vengono assistiti”. Il risarcimento sarebbe dovuto essere immediatamente esecutivo, ma i legali dell’ Arcidiocesi hanno presentato, il 3 luglio scorso, una richiesta di “inibitoria” dell’esecutività della sentenza. Nell’istanza avevano chiesto anche che la Corte d’ appello accogliesse la sospensione immediata dell’esecutività della sentenza in attesa dell’udienza dell’ inibitoria. Il presidente della Corte d’ appello Alfio Scuto, ha accolto la loro richiesta “congelando” tutto. Gli avvocati dei familiari della vittima, Simone Marchese e Salvatore Ragusa in merito hanno dichiarato: “ci è sembrato un provvedimento un po’ eccessivo. Non mettiamo in dubbio l’attività caritatevole della Chiesa, ma la stessa Arcidiocesi non si è posta minimamente il problema di due bambini in tenera età rimasti senza il padre. Ci saremmo aspettati un comportamento da parte della Curia più caritatevole nei confronti dei devoti tutti”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook