Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: DIA SEQUESTRA BENI A USURAIO

CATANIA: DIA SEQUESTRA BENI A USURAIO

Su disposizione del Tribunale di Catania la Dia confisca il patrimonio di Giuseppe Barbagallo, 61 anni, il valore stimato è 500mila euro. Barbagallo, era stato condannato nel 2008 insieme ad altre quattro persone, compreso il presunto capo del gruppo Santapaola del rione Picanello.

Print Friendly, PDF & Email

CATANIA: DIA SEQUESTRA BENI A USURAIO

Catania. Il personale della Direzione investigativa antimafia ha confiscato i beni a Giuseppe Barbagallo, 61 anni, condannato per usura. Il valore commerciale complessivo dei beni confiscati a Barbagallo è stimato dalla Dia in oltre 500.000 euro. La confisca eseguita dalla Dia è stata disposta dal Tribunale di Catania che, accogliendo la proposta avanzata dalla Procura, ne aveva già ordinato il sequestro nel 2012. Il decreto riguarda anche tre unità immobiliari (due nel Catanese e un appartamento di villeggiatura in un complesso residenziale nel comune di Letojanni), veicoli e disponibilità liquide e prodotti finanziari ammontanti a 150.000 euro. Barbagallo era già indagato per truffa, emissione di assegni a vuoto, detenzione abusiva di armi e munizioni – nell’aprile del 2008 è stato arrestato in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare del gip di Catania assieme ad altre quattro persone, compreso il presunto capo del gruppo Santapaola del rione Picanello, per usura. Secondo l’accusa avrebbe prestato denaro in cambio di interessi del 40% mensile. Quando furono avviate le indagini si concentrarono sul prestito di somme di denaro a un commerciante nel settore dei ricambi e accessori auto, al quale venivano richiesti interessi variabili tra il 72% e il 120% l’anno. Il Tribunale di Catania nell’aprile del 2010 lo aveva dichiarato colpevole infliggendo una condanna a 5 anni e 4 mesi di reclusione e a 12.200 euro di multa, condanna che è stata confermata in appello e irrevocabile.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook