Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: BLITZ CONTRO IL CLAN SANTAPAOLA-ERCOLANO 33 ARRESTI

CATANIA: BLITZ CONTRO IL CLAN SANTAPAOLA-ERCOLANO 33 ARRESTI

Blitz della polizia contro la criminalità 33 arresti, due persone risultano latitanti. Gli indagati sono accusati di associazione di stampo mafioso, traffico di stupefacenti, estorsioni, reati in materia di armi (detenzione di armi da guerra) e intestazione fittizia di beni. I malavitosi controllavano lo spaccio e le estorsioni a San Cristoforo e al Villaggio Sant'Agata.

Print Friendly, PDF & Email

CATANIA: BLITZ CONTRO IL CLAN SANTAPAOLA-ERCOLANO 33 ARRESTI

Catania. Maxi operazione che ha portato all’arresto di Trentacinque persone ritenute riconducibili o legate alla famiglia di Cosa nostra Santapaola-Ercolano, due risultano latitanti. Il blitz è stato condotto dalla squadra mobile di Catania. Il provvedimento del gip, emesso su richiesta della Dda della Procura etnea, ipotizza a vario titolo i reati di associazione mafiosa, traffico e spaccio di sostanze stupefacenti, estorsioni, detenzione di armi e intestazione fittizia di beni. La polizia ha anche eseguito un sequestro preventivo di alcune società e relativi complessi aziendali, che operavano nel settore edile, riconducibili all’organizzazione mafiosa, ma fittiziamente intestate a soggetti prestanome. Nel corso delle indagini gli investigatori hanno appurato che la potente famiglia mafiosa catanese avesse imposto una significativa pressione estorsiva nei confronti di numerose attività commerciali che operavano nel comprensorio etneo. La stessa organizzazione, inoltre, gestiva un vasto traffico di sostanze stupefacenti, controllando indisturbati lo spaccio nei popolari quartieri del Villaggio Sant’Agata e San Cristoforo di Catania. Importanti le dichiarazioni rese da alcuni collaboratori di giustizia che hanno consentito agli investigatori di smembrare l’intera organizzazione criminale e individuando inoltre, l’attuale reggente della famiglia che è ritenuto il gestore della cassa degli stipendi della famigerata cosca catanese. Nel corso dell’operazione sono stati sequestrati notevoli quantitativi di sostanze stupefacenti come cocaina e marijuana, e inoltre armi da guerra. La composizione del gruppo malavitoso è stato ricostruito dagli inquirenti, i quali, pongono ai vertici Rosario Lombardo e Daniele Nizza, che avevano organizzato una proficua attività di spaccio di cocaina, marijuana e hashish. La zona del Villaggio Sant’Agata (via Zia Lisa) era affidata a Lombardo, che aveva come fidati collaboratori Giuseppe Boncaldo e Davide Salvatore Licciardello, mentre il quartiere di San Cristoforo ricadeva nel quadrilatero compreso tra le vie Villa Scabrosa – Stella Polare – Playa – Del Principe e l’altra in via Alogna.

Operazione Ghost, i nomi degli arrestati:

Massimiliano Alessi, “u spiddu”, classe 1981; Francesco Belviso, “Niki-Niki”, classe 1970; Giuseppe Boncaldo, “Bicicletta”, classe 1972; Salvatore Bracciolano, classe 1982; Salvatore Bruno, “Salvuccio”, classe 1978; Giuseppe Valentino Caltabiano, “Peppe ‘u biondu”, classe 1991; Giovanni Catalano, classe 1981; Ignazio Cavallaro, classe 1966; Giuseppe Cocimano, classe 1982; Orazio Benedetto Cocimano, classe 1964; Marcel Diaccioli, classe 1983; Giuseppe Felice, classe 1967; Jonathan Fichera, classe 1990; Giovanna La Mattina, classe 1960; Davide Salvatore Licciardello, classe 1977; Rosario Lombardo, “Saru ‘u russu”, classe 1968; Marianna Mammano, classe 1955; Orazio Mantello, classe 1972; Antonino Marletta, classe 1982; Cesare Carmelo Marletta, classe 1972; Antonino Mascali, classe 1979; Carmelo Migliorino, “Tony”, classe 1992; Carmelo Motta, classe 1988; Alessandro Antonio Musmeci, classe 1972; Antonio Carmelo Alfio, classe 1942; Daniele Nizza, classe 1977; Salvatore Ottavio Papale, classe 1972; Raimondo Santonocito, classe 1973; Giuseppe Scaletta, classe 1966; Salvatore Scavone, classe 1985; Lorenzo Michele Schillaci, classe 1968; Francesco Scuderi, classe 1987; Andrea Vitale, 1980

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook