Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: BLITZ CARABINIERI E DIA AZZERA VERTICE DEL CLAN “MAZZEI”

CATANIA: BLITZ CARABINIERI E DIA AZZERA VERTICE DEL CLAN “MAZZEI”

La massiccia operazione di Carabinieri e Dia azzera il vertice della famiglia mafiosa Mazzei conosciuti con l’appellativo dei “carcagnusi”. Al termine del blitz sono state indagate 9 persone, tre sono latitanti. Inoltre, sono stati sequestrati beni per un milione e mezzo di euro. Nel corso delle indagini sono stati riscontrati collegamenti con esponenti di spicco della 'ndrangheta che operavano nella Piana di Gioia Tauro. Le dichiarazioni di collaboratori di giustizia sono state decisive nella ricostruzione della guerra di mafia con le cosche Santapaola e Cappello-Carateddi.

Print Friendly, PDF & Email

CATANIA: BLITZ CARABINIERI E DIA AZZERA VERTICE DEL CLAN “MAZZEI”

Catania. Si è svolta all’alba da parte delle forze dell’ordine una massiccia operazione contro i vertici del clan Mazzei, noto con l’appellativo dei ‘Carcagnusi. La Direzione investigativa antimafia, in sinergia con i carabinieri di Randazzo nell’ambito dell’operazione denominata ‘Ippocampo’ hanno condotto il bliz che ha decapitato i vertici della famiglia mafiosa. Gli investigatori hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip su richiesta dalla Direzione distrettuale antimafia, coordinata dal procuratore Giovanni Salvi, nei confronti di 9 persone, il capo della cosca e otto esponenti di spicco del gruppo mafioso. Gli arrestati sono accusati, dei reati di associazione di stampo mafioso, associazione a delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti, in collegamento con organizzazioni criminali della ‘ndrangheta operanti nella Piana di Gioia Tauro, trasferimento fraudolento di valori e intestazione fittizia di beni. Nel corso dell’operazione le forze dell’ordine impegnate hanno anche eseguito il sequestro di società, conti correnti, beni mobili e immobili, riconducibili alla cosca, per un valore complessivo di circa un milione e mezzo di euro. Secondo la ricostruzione dei magistrati, accolta dal Gip, che ha emesso l’ordinanza, sono state sequestrate ditte individuali e società cooperative che operano nel campo della logistica, carico e scarico merci intestate a prestanome legati alla famiglia mafiosa. Sono stati posti i sigilli anche a un bar.

Gli indagati arrestati sono sei, tre sono risultati irreperibili. Tra loro c’è anche l’attuale capo del clan, Sebastiano ‘Nuccio’ Mazzei, di 41 anni, ancora latitante. Il presunto boss, alcuni mesi dopo essere sfuggito al blitz ‘Scarface’, continua ad essere irreperebile ed è il figlio dello storico capomafia Santo Mazzei, detenuto in regime di 41 bis, riconosciuto uomo d’onore nel 1992 dal boss corleonese Leoluca Bagarella. Tra gli arrestati risulta essere anche il cognato di ‘Nuccio’ Mazzei, Gioacchino Intravaia, 38 anni. Gli altri destinatari del provvedimento sono Massaro Galati, 38 anni, Michele Maiolino, 46, Prospero Riccombeni, 43 anni, Antonino Daniele Sgroi, di 39 e Lucio Stella, 39 anni. Gli accusati esercitavano una posizione di predominio criminale nel rione San Cristoforo di Catania e, secondo il racconto di diversi collaboratori di giustizia agli investigatori della Dda della Procura, avrebbero avuto un ruolo nel progetto di guerra di mafia tra i ‘Carateddi’ e la ‘famiglia’ Santapaola poi scongiurata dagli arresti effettuati.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook