Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

TRAGEDIA USTICA: SI CERCA ANCORA LA VERITÀ

TRAGEDIA USTICA: SI CERCA ANCORA LA VERITÀ

Nel 34° anniversario della strage di Ustica il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano è intervenuto dicendo che è necessario uno sforzo per ricostruire l'accaduto. Mentre da Bologna L'Associazione parenti delle vittime della tragedia si rivolge a Renzi evidenziando che c’è bisogno ancora di verità.

Print Friendly, PDF & Email

TRAGEDIA USTICA: SI CERCA ANCORA LA VERITÀ

Tragedia di Ustica. Nel giorno del 34° anniversario due sono i messaggi che risvegliano il dolore per la strage avvenuta tanti anni fa. Il primo intervento è del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano che ha detto: “La tenace sollecitazione a compiere ogni ulteriore sforzo possibile – anche sul piano internazionale – per giungere a una esaustiva ricostruzione di quello che avvenne nei cieli di Ustica impegna tutte le istituzioni a fare la loro parte perché si giunga all’accertamento della verità”. Poi, l’intervento di Daria Bonfietti, presidente dell’Associazione parenti delle vittime della strage di Ustica, che dal Consiglio comunale a Bologna si rivolge al presidente del Consiglio Matteo Renzi con queste parole: “c’è ancora bisogno di verità per la strage di Ustica. Solo la magistratura può scrivere l’ultima pagina, delineare le responsabilità nel cielo, ma può farlo con il contributo delle informazioni che vengono da stati amici e alleati. Fino ad ora questa collaborazione non è stata esauriente, e allora è la politica estera del nostro Paese che deve diventare protagonista. Soprattutto in questo semestre di presidenza italiana, l’Europa deve sentire che in quella notte sono stati violati i diritti inalienabili dei suoi cittadini. Gli Stati europei, tutte le istituzioni della comunità, devono quindi in totale collaborazione dare ogni sostegno alle indagini della magistratura italiana e debbono anche consapevolmente fare sentire questa esigenza agli altri stati coinvolti, come ad esempio Stati Uniti e Libia”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook