Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

TRAPANI: FERMATO IL PRESIDENTE DELLA CARITAS

TRAPANI: FERMATO IL PRESIDENTE DELLA CARITAS

Il presidente della Caritas trapanese Don Sergio Librizzi è stato fermato con l’accusa di concussione e reati sessuali. Non si è fatta attendere la sospensione della Curia diocesana. Il fermo sarebbe legato alla gestione dei migranti che vengono trasferiti in vari centri dopo essere stati soccorsi.

Print Friendly, PDF & Email

TRAPANI: FERMATO IL PRESIDENTE DELLA CARITAS

Trapani. Il presidente della Caritas diocesana di Trapani, don Sergio Librizzi è stato fermato dalla sezione pg della forestale presso la procura con l’accusa di concussione e reati sessuali. Il sacerdote è stato fermato nella canonica della parrocchia di San Pietro a Trapani di cui è titolare. L’abitazione di Librizzi è stata perquisita e pare sarebbero stati prelevati dei pc. Pare che il fermo del responsabile della Caritas trapanese sia legato alla gestione dei migranti e ai trasferimenti in vari centri di accoglienza dopo una volta sbarcati. La curia vescovile di Trapani ha sollevato dagli incarichi Don Librizzi “in attesa che la magistratura faccia il suo corso, per prudenza, da tutti gli incarichi pastorali don Sergio Librizzi”. Inoltre, la curia con una nota ha comunicato “dolore e amarezza in seguito all’ordinanza di custodia cautelare che ha raggiunto questa mattina il reverendo don Librizzi”. Continua la nota: “Confidando nell’operato della magistratura a cui assicuriamo il massimo della collaborazione per l’accertamento della verità, chiediamo alla comunità ecclesiale d’intensificare la preghiera coscienti dalle parole del Vangelo che solo la verità rende liberi”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook