Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PALERMO: L’OPERAZIONE “APOCALISSE” SI ABBATTE SULLA MAFIA PALERMITANA

PALERMO: L’OPERAZIONE “APOCALISSE” SI ABBATTE SULLA MAFIA PALERMITANA

Il capo clan era l'autista di Riina. Decapitate le cosche di Resuttana e San Lorenzo. L’operazione ha prodotto, 93 arrestati e due latitanti. Dopo la scarcerazione Il boss Girolamo Biondino era tornato a comandare e per sviare i sospetti si improvvisava pensionato e si spostava in autobus. Da altre intercettazioni a un altro padrino sono venute fuori rivelazioni raccapriccianti come la confidenza dell’ucisione del famoso poliziotto Joe Petrosino(avvenuta più di 100 anni fa) per mano di un antenato di uno degli arrestati.

Print Friendly, PDF & Email

 PALERMO: L’OPERAZIONE “APOCALISSE” SI ABBATTE SULLA MAFIA PALERMITANA

Palermo. Carabinieri, polizia e guardia di finanza hanno eseguito 95 provvedimenti restrittivi nei confronti di “uomini d’onore” dei mandamenti mafiosi di Resuttana e San Lorenzo, accusati di associazione mafiosa, estorsione e altri reati. Su 95 ordinanze di custodia cautelare firmate dal gip mancano all’appello solo due presunti esponenti della cosca di Tommaso Natale e San Lorenzo per i quali la Dda ha chiesto il provvedimento restrittivo. Al momento gli arrestati sono 93, mentre due persone risultano latitanti. Un tempo il mandamento un tempo era guidato dai boss Sandro e Salvatore Lo Piccolo e successivamente diretto da Giuseppe Liga, detto “l’architetto”. Durante le indagini sarebbe emerso il ridimensionamento ulteriore dei Lo Piccolo a vantaggio della cosca di Porta Nuova. Infatti, Giuseppe Fricano, anche lui finito in manette, ritenuto dagli investigatori da sempre vicino alla famiglia Madonia, si sarebbe avvicinato al clan di Porta Nuova. Questa circostanza, secondo gli investigatori, testimonierebbe la volontà di riunire le forze da parte della mafia, per cercare di serrare le file dopo i gravi colpi inferti dalla forze dell’ordine e imporre una nuova leadership in tutta la città.
Intanto, il boss si era aperto un un profilo Facebook e dal social network minacciava i pentiti. Le indagini sono state coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia di Palermo e hanno consentito di ricostruire il nuovo organigramma dello storico mandamento mafioso alla periferia occidentale della città. Gli investigatori hanno individuato capi e gregari, accertando numerose estorsioni praticate in modo capillare e soffocante da Cosa nostra ai danni di imprese edili ed attività commerciali del territorio e riscontrando un diffuso condizionamento illecito dell’economia locale. Nel corso dell’operazione sono stati inoltre sequestrati complessi aziendali per svariati milioni di euro. Secondo le indagini Girolamo Biondino era a capo del mandamento di Tommaso Natale e Resuttana, è fratello di Salvatore ed era l’autista di Totò Riina. Era da poco stato scarcerato ed era tornato a comandare il clan.
Per cercare di non finire di nuovo in carcere, Biondino faceva il pensionato si spostava in autobus e non si faceva vedere in giro con altri uomini legati alla mafia. Secondo gli investigatori era lui a tenere le fila e organizzare la richiesta del pizzo nel mandamento in maniera capillare. Un altro nel mirino era Gregorio Palazzotto, titolare di una ditta di traslochi, secondo gli investigatori invece era il capo della cosca dell’Arenella. Palazzotto si trova in carcere, ma aveva aperto un profilo Facebook da dove denigrava i pentiti e scriveva: “Non ho paura delle manette, ma di chi per aprirle si mette a cantare”. Sempre sfruttando la pagina sui social chiedeva l’amnistia e faceva richieste contro il sovraffollamento delle carceri. Grazie a un sofisticato congegno di intercettazioni ambientali è stata inoltre registrata una frase di Palazzotto che farebbe luce dopo oltre cento anni sull’identità del killer che uccise in piazza Marina a Palermo il poliziotto italo-americano Joe Petrosino. Palazzotto si vantava delle tradizioni centenarie di appartenenza alla mafia della sua famiglia. “Lo zio di mio padre si chiamava Paolo Palazzotto, ha fatto l’omicidio del primo poliziotto ucciso a Palermo. Lo ha ammazzato lui Joe Petrosino, per conto di Cascio Ferro”. Joe Petrosino fu ucciso con tre colpi di pistola in rapida successione e un quarto sparato subito dopo, poco distante dalla piccola folla che attende il tram al capolinea di piazza Marina erano le 20.45 di venerdì 12 marzo 1909. Il famoso poliziotto era arrivato nel capoluogo siciliano dagli Usa per debellare la “Mano Nera” l’organizzazione criminale che si era talmente infiltrata nella società americana tanto minacciare le basi della libera convivenza.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook