Archiviato in | Cronaca Regionale, Musica, Spettacolo

EMIS KILLA E IL SUO RAPPORTO CON LA SICILIA

EMIS KILLA E IL SUO RAPPORTO CON LA SICILIA

Il rapper, ieri pomeriggio, è stato accolto dai suoi numerosi fan, i killers, ad “Etnapolis” grazie ad un evento organizzato da Media World. Cappello in stile americano, collana e orologio d’oro e una t-shirt con disegnato un teschio che invoca “Rock and Roll” è stato l’abbigliamento con cui il rapper si è presentato ai suoi fan catanesi.

Print Friendly, PDF & Email

EMIS KILLA E IL SUO RAPPORTO CON LA SICILIA

“Maracanà” è ufficialmente il tormentone dell’estate 2014. Il brano del rapper Emis Killa ha un impatto immediato con chi lo ascolta. Tutti già canticchiano il ritornello “questa sera c’è il delirio al Maracana. Da qua fuori sento i cori sha la la la. Un sospiro, gli occhi chiusi e sarò già la”. Il rapper, ieri pomeriggio, è stato accolto dai suoi numerosi fan, i killers, ad “Etnapolis” grazie ad un evento organizzato da Media World. Cappello in stile americano, collana e orologio d’oro e una t-shirt con disegnato un teschio che invoca “Rock and Roll” è stato l’abbigliamento con cui il rapper si è presentato ai suoi fan catanesi. Un rapper dall’estetica dura e ribelle ma che in realtà si è dimostrato simpatico, disponibile e socievole con tutti i fan accorsi.

Come è nata Maracanà?

“Da una collaborazione tra me e Sky che già c’era da tempo visto che stavo lavorando con loro. La loro voglia era quella di fare una colonna sonora dei mondiali che fosse in italiano e hanno deciso di commissionarmi il lavoro. Poi è andata molto bene perché il singolo ha avuto molto successo e quindi loro sono molto contenti della scelta che hanno fatto”.

Come ti spieghi che negli ultimi anni il rapper sta spopolando in Italia?

“E’ un po’ quello che mancava. Per noi c’è sempre stato ma per la gente comune è la novità perché non era un genere affermato. Ha attirato un po’ la curiosità di tutti. Il picco lo ha già raggiunto però è comunque cresciuto il livello di qualità. Adesso gli album suonano bene ed hanno dei testi importanti.  Tempo fa c’erano delle cose fatte bene ed altre male. Adesso si è migliorati nella qualità. Prima magari ascoltavi quella sbagliata e lasciavi perdere ora con internet hai più possibilità”.

Sei stato l’unico italiano a partecipare al Bet Hip Hop Awards America tenuti a New York. Che emozione hai provato?

“Bello molto bello.  Mi sono messo un po’ in soggezione perché non mi capiva nessuno. Parlavano tutti americano. Un po di imbarazzo ma una bella cosa da curriculum. Ho conosciuto tanta gente importante e poi New York è la mia città preferita”.

Le tue origini per metà sono siciliane, che rapporto hai con questa regione?

“E’ una delle mie tappe preferite. La gente è calorosa ma mai invadente. Si mangia bene e ci sono delle belle ragazze. Ovviamente ho dei ricordi stupendi sia quando  da bambino venivo con mia mamma che da ragazzino quando avevo qui gli amici”. .

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook