Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: SEQUESTRATO PATRIMONIO DI MASSIMINO

CATANIA: SEQUESTRATO PATRIMONIO DI MASSIMINO

I Ros hanno apposto i sigilli a sei aziende che operano nel settore dell'edilizia e della produzione di energia rinnovabile riconducibili al costruttore Santo Massimino. L’inchiesta ha stabilito che sono emersi rapporti tra il boss catanese Vincenzo Aiello, e l’imprenditore Santo Massimino. Il capomafia era intervenuto per far avere un lavoro all’imprenditore: la realizzazione di un parco commerciale a Gravina di Catania

Print Friendly, PDF & Email

CATANIA: SEQUESTRATO PATRIMONIO DI MASSIMINO

Catania. Sequestrati dai carabinieri del Reparto operativo speciale e del comando provinciale di Catania beni riconducibili all’imprenditore Santo Massimino per l’ammontare di alcuni milioni di euro. Il provvedimento cautelare preventivo è stato emesso dalla quarta sezione penale del Tribunale, su richiesta della Dda della locale Procura, nei confronti dell’imprenditore dopo la condanna di primo grado a 12 anni di reclusione, che gli è stata comminata il 9 maggio scorso, per i suoi presunti rapporti con Cosa nostra, e in particolare con la ‘famiglia’ Santapaola-Ercolano. Il sequestro riguarda sei aziende del settore dell’edilizia e nel campo della produzione di energia da fonti rinnovabili. E in fase di determinazione il valore reale delle società da una pima valutazione ammonterebbe ad alcuni milioni di euro. L’inchiesta ha focalizzato le indagini dall’operazione Iblis, dalle quali emergerebbe un ‘sinallagmatico rapporto’ tra Santo Massimino e Vincenzo Aiello, all’epoca dei fatti rappresentante provinciale di Cosa nostra. Durante un summit di mafia in una casa in campagna del Giovanni Barbagallo, il boss Aiello avrebbe fatto riferimento a difficoltà economiche dell’imprenditore che avrebbe aiutato intercedendo per fargli avere un lavoro nella realizzazione di un parco commerciale a Gravina di Catania. Secondo i rilievi dei carabinieri del Ros l’interessamento del boss avrebbe sbloccato il cantiere che era fermo.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook