Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

STROMBOLI (ME): TURISTA MUORE DOPO LA SCALATA AL VULCANO

STROMBOLI (ME): TURISTA MUORE DOPO LA SCALATA AL VULCANO

Tragico epilogo per un canadese stroncato da infarto in cima al vulcano Stromboli. I soccorsi accusano in polemica con la Regione Siciliana: "Non si può minimamente pensare di fare turismo in Sicilia senza garantire sicurezza con i necessari presidi istituzionali. Interventi solo in forma volontaria, ma con le spese dell'intervento interamente a carico dei tecnici, benzina inclusa. Neppure un mezzo è stato mai fornito dalla Regione Sicilia".

Print Friendly, PDF & Email

STROMBOLI (ME): TURISTA MUORE DOPO LA SCALATA AL VULCANO

Stromboli. Tragico epilogo di una scalata effettuata da un turista canadese, P.P., 57 anni. Il gitante è morto probabilmente stroncato da un infarto proprio sul cono dello Stromboli dopo aver scalato il vulcano sino al cratere dell’isola vulcanica delle Eolie con un gruppo di amici. Una volta colpito dal malore l’uomo si è accasciato al suolo, inutili si sono rivelati i tentativi di rianimarlo da parte di alcuni medici che facevano parte della comitiva. Secondo il racconto degli scalatori il corpo è stato trasferito in paese con grande difficoltà per poi essere trasportato nella sala mortuaria del cimitero di Lipari. I carabinieri della stazione locale hanno avviato una indagine e inviato una informativa alla procura di Barcellona Pozzo di Gotto. Nei giorni scorsi un turista milanese aveva perso la vita sulla spiaggia delle sabbie nere di Vulcano.
Giorgio Bisagna, presidente regionale del corpo nazionale soccorso alpino e speleologico, in una nota ha dichiarato: “Spiace constatare come i continui, reiterati e costanti appelli alla Regione Siciliana, e segnatamente ai vertici dell’Assessorato alla Sanità in questi anni siano rimasti inascoltati, o peggio, rimbalzati in un muro di gommosa e burocratica inerzia. È sicuramente da accertare se un sistema di soccorso sanitario in ambiente impervio avrebbe potuto evitare o meno il decesso del turista. Quello che invece è lampante, e sotto gli occhi di tutti, che non si può minimamente pensare di fare turismo in Sicilia senza garantire con i necessari presidi istituzionali la sicurezza dei turisti stessi. In Sicilia – ha aggiunto Bisagna – il soccorso alpino compie ormai oltre 150 interventi all’anno dall’Etna alle Madonie, alle falesie di San Vito Lo Capo, quasi sempre non solo in forma volontaria, ma con le spese dell’intervento interamente a carico dei tecnici, benzina inclusa. Neppure un mezzo è stato mai fornito dalla Regione Siciliana”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook