Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

DELL’UTRI TORNA IN ITALIA

DELL’UTRI TORNA IN ITALIA

Secondo la stampa libanese, le procedure per l'estradizione dell'ex senatore condannato per mafia sono state completate. La difesa ribadisce che la notizia è stata accolta dall’ex senatore con favore

Print Friendly, PDF & Email

DELL’UTRI TORNA IN ITALIA

Dell’Utri. Secondo i media libanesi che citano fonti giudiziarie, l’ex senatore Marcello Dell’Utri attualmente a Beirut potrebbe rientrare domani in Italia. Secondo la stampa locale le procedure dell’estradizione sia in termini legali che logistici sono state completate. Una rappresentanza italiana sarà a Beirut già stasera all’aeroporto internazionale Rafiq Hariri. La delegazione incontrerà le autorità libanesi che affideranno loro l’ex senatore per riportarlo in Italia su un volo privato che partirà domattina. Dell’Utri è stato arrestato il 12 aprile all’Hotel Phoenicia di Beirut, ed é ricoverato dal 16 aprile in stato di detenzione all’ospedale Al Hayat. Già il 23 maggio, il presidente Michel Suleiman aveva firmato il decreto di estradizione. Il mese scorso l’ex senatore di Forza Italia é stato condannato in via definita a sette anni di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa. L’avvocato Giuseppe Di Peri, legale di Dell’Utri spiega: “Per consentire un immediato rientro nel proprio Paese, Dell’Utri ha rinunciato a ogni forma di assistenza medica durante il trasferimento aereo”. Inoltre aggiunge Di Peri: “Se la notizia è fondata, sarà sicuramente accolta con favore dal dottore Dell’Utri che da oltre due mesi formula continue richieste, sia all’autorità giudiziaria libanese che a quella italiana, di un tempestivo suo rientro in Italia”. Intanto gli avvocati di Dell’Utri hanno spiegato che l’ex senatore era arrivato in Libano quando non c’era ancora un mandato d’arresto e che quindi non intendeva fuggire.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook