Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

SICILIA: ONDATA DI SBARCHI E NUOVI FERMI

SICILIA: ONDATA DI SBARCHI E NUOVI FERMI

Mentre continuano nuovi sbarchi sono stati fermati quattro scafisti a Catania e due a Pozzallo, pare che questi ultimi avrebbero guidato la traversata che ha causato la morte dei 3 migranti e degli altri 6 dispersi

Print Friendly, PDF & Email

SICILIA: ONDATA DI SBARCHI E NUOVI FERMI

Sicilia. A Pozzallo sono stati fermati i due presunti scafisti che guidavano le due barche la cui traversata ha causato la morte di 3 migranti mentre gli altri 6 sono dispersi. Uno era alla guida di un gommone che durante la fase di attracco a una petroliera maltese ha provocato con un incidente la morte di 3 persone e sei dispersi. Il secondo pilotava un natante soccorso da una motonave: quattro migranti sono scivolati in mare mentre stavano salendo a bordo con un scala di corda, e sono annegati. Mentre a Catania la squadra mobile locale ha fermato tre extracomunitari, tra cui un minorenne, perché ritenuti gli scafisti di un grosso gommone privo di bandiera e sigla di identificazione sul quale viaggiavano 103 migranti, soccorso ieri in acque internazionali dal mercantile “K-Stream”. La nave, battente bandiera inglese, è giunta a Catania. I fermati sono Landing Bojang, gambiano, di 29 anni, Ahamed Camara, di nazionalità maliana di 18anni e A. D., nigeriano di 17 anni. I maggiorenni sono stati rinchiusi nel carcere di Piazza Lanza. Il minorenne è stato accompagnato in un centro di prima accoglienza. Sono in corso le indagini per accertare il loro ruolo durante la traversata.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook