Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: PARCHEGGIO EUROPA, SOCIETÀ FORSE DANNEGGIATA DAL COMUNE INADEMPIENTE

CATANIA: PARCHEGGIO EUROPA, SOCIETÀ FORSE DANNEGGIATA DAL COMUNE INADEMPIENTE

La società che ha realizzato il parcheggio europa in Project financing, dopo una serie di avvertimenti legali e ingiunzioni, si è rivolta al Tar. La società lamenta una perdita di 70 mila euro al mese, se l'amministrazione inadempiente dovesse essere responsabile, la società potrebbe chiedere i danni.

Print Friendly, PDF & Email

Parcheggio Europa

Catania. Resta esiguo il numero di automobili parcheggiate all’interno della struttura di piazza Europa. Mentre sono migliaia i veicoli che, ogni giorno, sostano lungo le carreggiate o in divieto di sosta. Invece, sono circa seimila le automobili posteggiate in sei mesi all’interno del Parcheggio Europa, realizzato in Project Financing. Gli accordi con l’allora Ufficio speciale per il rischio sismico, liberare la strada, via di fuga obbligatoria in caso di necessità forse non sono stati del tutto rispettati. La denuncia parte direttamente dell’amministratore delegato della Parcheggio Europa spa, la società che ha realizzato la struttura, Lorena Virlinzi, che ha illustrato le mancanze dell’amministrazione e le conseguenze sul conto economico dell’azienda che da tempo registra ingenti perdite. “Secondo l’articolo 11 della convenzione firmata nel 2005 – afferma la Virlinzi – al Comune spetta di promuovere tutte le iniziative per consentire la regolamentazione della sosta superficiale. Quindi, inibire in maniera assoluta la sosta lungo le vie limitrofe il parcheggio, compresa quella abusiva, e occuparsi della manutenzione della piazza. L’assenza di tutti questi interventi comporta per l’azienda delle perdite. È vero che siamo una società per azioni, per cui abbiamo accettato il rischio d’impresa, ma gli accordi devono essere rispettati anche dall’amministrazione”.
L’amministrazione comunale rischia, se non mette in moto tutte le iniziative per applicare tutti i termini dell’accordo. Questa la minaccia, seppur velata, del l’amministratore delegato che, dopo una serie di accomandate e ingiunzioni. La società si è rivolta al Tar per far rispettare gli impegni. “I tempi della giustizia sono lunghi e vorremmo che le cose fossero risolte prima – Ha evidenziato l’amministratore delegato – Abbiamo una perdita di 70 mila euro al mese e se l’amministrazione comunale dovesse risultare inadempiente è responsabile”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook