Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MISTERBIANCO (CT): UCCIDE LA MOGLIE E S’IMPICCA

MISTERBIANCO (CT): UCCIDE LA MOGLIE E S’IMPICCA

I coniugi avevano litigato violentemente. Quando il marocchino 37enne Tarik Es Sabry disoccupato ha afferrato il coltello e ha colpito con più fendenti la moglie coetanea Monica Timore fino a ucciderla. Il loro unico figlio di sei anni non era in casa

Print Friendly, PDF & Email

MISTERBIANCO (CT): UCCIDE LA MOGLIE E S’IMPICCA

Misterbianco. Nel corso di una lite furibonda, scoppiata mentre i coniugi erano a tavola nella veranda della loro casa, a Misterbianco, paese in provincia di Catania, hanno cominciato a litigare per l’ennesima volta, e poi la tragedia. L’uxoricida, un marocchino di 37 anni, Tarik Es Sabry, senza lavoro, ha afferrato un coltello e e ha colpito con ripetuti fendenti la moglie coetanea Monica Timore, insegnate di ruolo. Durante il sopraluogo la donna presenta ferite in diverse parti del corpo: al capo, alla schiena e all’addome. L’omicida dopo dopo aver consumato quel gesto efferato, si è recato in una stanza della casa, dove vi è un soppalco, ha passato una corda al trave e si è impiccato. Al momento della tragedia in casa non era presente il loro unico figlio di sei anni che si era recato al mare accompagnato dai nonni e della zia, la sorella della madre del bambino, anche lei insegnante. A trovare i corpi sono i carabinieri della compagnia di Fontanarossa, avvisati dai vicini di casa allertati dalle urla e dalla richiesta di aiuto della donna. I vicini di casa hanno riferito agli inquirenti che non era la prima volta che la coppia litigava ferocemente. Forse i contrasti si devono ricercare all’interno della vita familiare e alle tante incomprensioni che avrebbero interrotto nell’omicida i normali equilibri e che l’avrebbero portato a commettere l’insano gesto.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook