Archiviato in | Università

UNIVERSITÀ CATANIA: 2,5 MLN PER RICERCATORI E DOCENTI

UNIVERSITÀ CATANIA: 2,5 MLN PER RICERCATORI E DOCENTI

I fondi saranno stanziati per i migliori progetti, il sistema di finanziamento sarà basato esclusivamente sul merito scientifico. Ogni gruppo dovrà presentare un progetto di durata biennale che verrà giudicato da revisori esterni sulla base di criteri di rilevanza scientifica, originalità e impatto, adeguatezza metodologica e fattibilità, esperienza e competenza del Pi e del gruppo di ricerca.

Print Friendly, PDF & Email

UNIVERSITÀ CATANIA: 2,5 MLN PER RICERCATORI E DOCENTI

Università Catania: Senato accademico e Consiglio di Amministrazione hanno approvato nei giorni scorsi il nuovo bando per il Finanziamento della Ricerca d’Ateneo (Fir). Il progetto prevede lo stanziamento di 2,5 milioni di euro e l’erogazione del sussidio è basato esclusivamente sul merito scientifico dei lavori presentati, attraverso una valutazione affidata a revisori esterni. L’Ateneo catanese sarà uno dei primi in Italia a introdurre tale metodologia nel finanziamento interno della ricerca. Inoltre, l’Università di Catania, si è fatta promotrice presso gli altri Atenei della costituzione di una sorta di albo dei revisori, costituito da docenti delle Università italiane, al quale le medesime possono ricorrere per le loro esigenze di revisione, in una logica di mutuo supporto. Il rettore Giacomo Pignataro in merito è intervenuto dicendo: “Intendiamo così evitare sia il rischio di finanziamento a pioggia, sia l’attribuzione di risorse finanziarie che si è avuta in passato, intesa esclusivamente come premio alla produttività scientifica. Il Fir costituisce, dunque, nei limiti delle risorse a disposizione, un investimento sulla ricerca futura dei nostri docenti”. Infatti, Il bando intende promuovere la ricerca di gruppo con carattere interdisciplinare, al fine di estendere la sperimentazione di una metodologia di organizzazione del lavoro scientifico, che risulta sempre più determinante per migliorare la produttività scientifica e la competitività nella partecipazione ai bandi di ricerca internazionale.

I Fir, quest’anno, prevedono la costituzione di gruppi di ricerca (con minimo 5 componenti) guidati da un Principal Investigator.

Ogni gruppo dovrà presentare un progetto di durata biennale che verrà giudicato da revisori esterni sulla base di criteri di rilevanza scientifica, originalità e impatto, adeguatezza metodologica e fattibilità, esperienza e competenza del Pi e del gruppo di ricerca. Le proposte saranno suddivise secondo i tre macrosettori dell’European Research Council: Scienze della Vita; Scienze fisiche e Ingegneria; Scienze umanistiche e sociali. I progetti, da compilare tramite procedura informatica sul sito web dedicato www.fir2014.unict.it , dovranno essere presentati entro il 15 luglio 2014; le proposte che avranno superato la selezione con almeno 25/ 40 riceveranno un finanziamento – variabile da 15.000 a 30.000 euro – a seconda del punteggio assegnato dai revisori. Il bando completo è disponibile sull’albo ufficiale di Ateneo, consultabile dall’home page del portale www.unict.it.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook