Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: CASSAZIONE ANNULLA CONDANNA A SCUTO

CATANIA: CASSAZIONE ANNULLA CONDANNA A SCUTO

La Suprema Corte di Cassazione oltre ad annullare la condanna al re dei supermercati siciliani Sebastiano Scuto, ha anche disposto la revoca del sequestro di una parte dei beni.

Print Friendly, PDF & Email

 Catania: Cassazione annulla condanna a Scuto

Catania. Accolta la tesi della difesa, che sosteneva che l’imprenditore avrebbe agito da “vittima di estorsioni da parte delle mafia” e non da collegamento organico ai clan. Torna alla decisione di un’altra Corte d’appello di Catania il processo per associazione mafiosa all’imprenditore Sebastiano Scuto. Lo ha stabilito la Cassazione che ha annullato con rinvio la condanna a 12 anni di reclusione emessa il 18 aprile del 2013 a conclusione del processo di secondo grado nella parte che riguarda i presunti contatti tra il “re dei supermercati” e il boss Bernardo Provenzano e i fratelli Lo Piccolo per la gestione comune di centri commerciali a Palermo. La Suprema Corte ha anche disposto l’annullamento della confisca dei beni dell’imprenditore: ma non tutti potranno tornare in uso al “re dei supermercati” in Sicilia, perché per una parte l’annullamento è definitivo, per un’altra parte è invece con il rinvio della decisione a un’altra Corte. Un altro provvedimento di misura di prevenzione di confisca beni è pendente già davanti la Corte d’appello di Catania, e un’udienza è prevista per il prossimo 25 giugno. La Cassazione ha invece rigettato il ricorso della Procura generale per un caso di estorsione contestato a Scuto e anche quello del ricorso contro l’assoluzione dell’ex sottufficiale dei carabinieri, Orazio Castro, accusato di passare informazioni al clan Laudani.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook