Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MODICA (RG): GIUDICE IMPONE CURA STAMINA, MA È TARDI. BIMBA MALATA MUORE

MODICA (RG): GIUDICE IMPONE CURA STAMINA, MA È TARDI. BIMBA MALATA MUORE

Non ce l’ha fatta la piccola Rita, due anni e otto mesi, è spirata a casa sua senza aver potuto fare il terzo ciclo di terapia. Prima le era stato negato e dopo autorizzato dal tribunale. La bimba era affetta dal morbo di Niemann Pick.

Print Friendly, PDF & Email

Modica. Giudice impone cura stamina, ma è tardi. bimba malata muore

La piccola Rita è spirata, aveva due anni e otto mesi. La bimba di Modica era affetta dal morbo di Niemann Pick, a favore della quale il tribunale del lavoro di Ragusa sei giorni fa aveva imposto all’ospedale di Brescia di trovare un medico che era in grado di applicare la cura stamina di Vannoni. La piccola in cura con il metodo stamina aveva già fatto due infusioni, è deceduta all’alba di oggi a casa sua senza avere fatto il terzo ciclo di terapia, che gli era stato negato e poi imposto dal giudice. “Cinque giorni di tempo – aveva scritto nell’ordinanza – per lanciare una ricerca a tappeto fra Ordini dei medici, strutture sanitarie pubbliche ed enti di ricerca e trovare camici bianchi disposti a praticare le infusioni secondo il metodo Stamina”. La settimana scorsa la Corte europea dei diritti dell’uomo aveva stabilito che la decisione delle autorità italiane di rifiutare l’accesso al metodo Stamina a una donna, affetta sin dall’adolescenza da una malattia degenerativa del cervello, non ha leso i suoi diritti. I giudici continuano: “A oggi il valore terapeutico del metodo stamina non è stato provato scientificamente” e il decreto del marzo 2013, che regola l’accesso alla cura e stabilisce che al metodo possono avere accesso solo i pazienti che hanno iniziato la cura prima dell’entrata in vigore della nuova legge, “persegue il giusto obiettivo di proteggere la salute dei cittadini”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook