Archiviato in | Calcio, Sport, Sport Brevi

BRASILE 2014: ITALIA, NASCE SILICON COVERCIANO

BRASILE 2014: ITALIA, NASCE SILICON COVERCIANO

Prevenire per cercare di non arrivare "senza fiato" nelle eventuali fasi finali. Ecco tutti i rimedi degli azzurri.

Print Friendly, PDF & Email

Brasile 2014. Ricorderete 2 anni fa, quando gli azzurri riuscirono con tanta fatica ad arrivare alla finale dell’Europeo per poi ritrovarsi a subire 4 reti dalla Spagna decisamente molto più in forma degli azzurri. Quella fu la goccia che fece traboccare il vaso, quest’anno Demetrio Albertini Presidente del Club Italia e capo delegazione degli azzurri in Brasile, è corso ai ripari facendo ricorso alla tecnologia. “Bisogna ottimizzare il recupero tra un incontro è l’altro, è questa la chiave”, ha così commentato l’ex numero 4 milanista. Da qui nasce il progetto Silicon Coverciano che si basa su punti specifici: 1) Telecamere fisse sui campi di allenamento. Rivedersi può aiutare a migliorarsi; 2) Gps addosso per monitorare le velocità; 3) Accordo col Politecnico di Milano per monitorare la forza di ogni singolo giocatore; 4) Test “Tmg” per monitorare la fatica locale. Ogni singolo giocatore compie degli scatti per testare lo stato dei propri muscoli. Utile, per prevenire gli infortuni; 5) Un app che permette di far confluire i dati sugli avversari, creando una sorta di passaporto tecnologico di ogni singolo giocatore, che si aggiorna continuamente; 6) Analisi sulla variazione del battito cardiaco, grazie allo studio Biotecna. Utile anche per l’aspetto psicologico. Altre rivoluzioni fanno parte del progetto, ma stavolta meno tecnologiche ma altrettando utili:  1) Rifatti tutti i manti erbosi dei campi di Coverciano. Erba a sei centimetri così come sarà in Brasile. Un agronomo inviato a Mangaratiba per testare i campi di gioco per cercare di riprodurli proprio a Coverciano. Ma c’è da sottolineare che in questa competizione ci sarà un addetto Fifa a dire se il campo deve essere bagnato o meno e sarà fatto solo ed esclusivamente se il terreno è eccessivamente duro; 2) Casetta Manaus: palestra dove viene riprodotto il clima di Manaus e delle città nel nordest del Brasile. Palestra dove sono presenti tapis roulant e cyclette, alla fine di ogni allenamento vengono prelevati dei campioncini di acido lattico dalle orecchie di ogni singolo atleta; 3) Stanza di discussione negli spogliatoi: angolo in cui ci si sofferma a parlare del lavoro svolto; 4) Ristoranti divisi per facilitare il lavoro dei vari nutrizionisti per stabilire le diete degli atleti; 5) Terapia del freddo (crioterapia) per recuperare dagli acciacchi. Curare l’imprevisto è questo il significato di questa terapia. Di sicuro la partenza sembra promettere bene, cercare di curare al meglio la condizione fisica per migliorare così quella mentale. In ogni caso tra pochi giorni vi saranno le esclusioni, bisognerà vedere come risponderà il fisico di molti giocatori al momento in dubbio per condizioni fisiche precarie come Giuseppe Rossi. Cinque giorni ai 23 giocatori che proseguiranno l’avventura e i dubbi che vengono sono: Romulo, Parolo o Verratti? Rossi riuscirà a recuperare? Insigne o Cassano?

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook