PALERMO: IL RICORDO DI FALCONE

PALERMO: IL RICORDO DI FALCONE

Millecinquecento studenti sono arrivati a bordo della nave della legalità che ha attraccato al porto di Palermo. Ad accompagnare i ragazzi alcuni rappresentanti delle istituzioni. Sono arrivati in Sicilia anche dei rappresentanti di studenti italo-americani. "Il 23 maggio - ha detto ai presenti la sorella del giudice Falcone - deve essere il giorno della riscossa contro la mafia". Nel pomeriggio alle ore 17.58 il ricordo della strage di Capaci

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. Tremila studenti hanno accolto al porto di Palermo insieme a Maria Falcone, presidente della fondazione Falcone e il regista Pif, la nave della Legalità con a bordo 1.500 ragazzi salpati ieri sera da Civitavecchia per ricordare Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e gli agenti di scorta uccisi nella strage di Capaci. I ragazzi hanno salutato l’arrivo della nave con il lancio di centinaia di palloncini. Mentre i ragazzi che erano a bordo indossavano le magliette di “Sigillo”, il progetto che coinvolge laboratori tessili in 14 istituti penitenziari. A Palermo è arrivata anche una delegazione di studenti italo-americani provenienti da New York e Washington. Insieme ad alcuni loro colleghi italiani andranno nell’aula bunker dell’Ucciardone per assistere al momento istituzionale della manifestazione che si svolge sotto l’alto patronato della presidenza della repubblica e con il patrocinio del Senato. L’iniziativa è organizzata dal Miur in collaborazione con la fondazione Falcone. “Il 23 maggio – ha detto ai presenti la sorella del giudice Falcone – deve essere il giorno della riscossa contro la mafia”. Gli studenti sulla nave non erano soli. Li accompagnavano: il ministro dell’istruzione Giannini, il presidente della commissione nazionale antimafia Bindi, il presidente della Corte dei Conti Squitieri, il procuratore nazionale antimafia Roberti, il procuratore di Catania Salvi, il vicepresidente di Confindustria Ivanhoe Lo Bello e il presidente Rai Anna Maria Tarantola. Subito dopo l’arrivo, i ragazzi si sono divisi in scaglioni per partecipare agli eventi previsti; una delegazione di studenti americani provenienti da New York e Washington si è diretta verso l’Aula Bunker dove ad attenderli, oltre alle presenze istituzionali che erano sulla nave, il ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina, il ministro della Giustizia Andrea Orlando, il comandante generale della Guardia di Finanza Saverio Capolupo, il capo della polizia Alessandro Pansa, il comandante generale dell’Arma Leonardo Gallitelli, il presidente dell’Autorità anticorruzione Raffaele Cantone e il presidente dell’Associazione nazionale magistrati Rodolfo Sabelli.

Il giornalista Giovanni Floris Coordinerà il dibattito. In contemporanea si alterneranno nel capoluogo siciliano attività e incontri tra piazza Politeama e piazza Magione dove saranno allestite mostre e proiettati cortometraggi. All’interno del teatro si terranno due incontri su economia e legalità con Mario Conte, consigliere corte d’appello di Palermo e Carlo La Rotonda, di Confindustria Sicilia. In piazza Politeama ci saranno, intorno alle 11, gli interventi di don Luigi Ciotti e del cantante Rocco Hunt. Da piazza Magione Sasà Salvaggio animerà incontri e laboratori didattici con gli studenti. Alle ore 15 il presidente Grasso e il rettore Lagalla parteciperanno all’intitolazione dell’atrio della facoltà di Giurisprudenza ai giudici Falcone e Borsellino. Nel pomeriggio due cortei partiranno dall’aula bunker e da via D’Amelio per riunirsi in via Notarbartolo, ai piedi dell’albero Falcone e ricordare l’ora della strage: le 17.58. Il Miur seguirà le due giornate con una diretta twitter sul profilo @MiurSocial, uno degli ashtag scelti è #navedellalegalità, foto e informazioni saranno disponibili in tempo reale sul sito istruzione.it, gli eventi saranno in diretta streaming sul portale Legalità dell’Ansa e sul sito del ministero istruzione.it.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook