CATANIA: DELRIO INAUGURA PROGRAMMA WORKING CAPITAL ACCELERATOR

CATANIA: DELRIO INAUGURA PROGRAMMA WORKING CAPITAL ACCELERATOR

Il sottosegretario alla Presidenza del consiglio, Graziano Delrio, ha inaugurato stamane a Catania il progetto Working Capital Accelerator capital di Telecom Italia.

Print Friendly, PDF & Email

Catania. Il sottosegretario alla Presidenza del consiglio, Graziano Delrio, ha inaugurato i nuovi spazi dell’acceleratore Working capital di Telecom Italia. E’ partita il 27 Marzo l’edizione 2014 del programma Working Capital, dedicata a progetti imprenditoriali innovativi, nazionali ed internazionali, in ambito Internet, digital, mobile evolution e green. Il progetto Working Capital nel 2014 ha assegnato 40 Grant del valore di 25.000 euro ciascuno, collegati ad altrettanti percorsi d’accelerazione, destinati a progetti d’impresa alla ricerca dei primi capitali, con l’obiettivo di sviluppare le migliori idee e lanciarle sul mercato. Il programma di accelerazione dura circa 4 mesi, da luglio a novembre, nel corso dei quali le startup selezionate, 10 per ognuno dei 4 acceleratori, vengono seguite da mentor provenienti dal mondo imprenditoriale, del Venture Capital e accademico, offrendo sostegno agli startupper per affinare l’idea d’impresa, definire il modello di business e sviluppare il prodotto. Il sottosegretario Delrio nel suo intervento ha spiegato: “Ho fatto un appello a considerare l’Europa la nostra casa, il nostro destino. Non curiamoci delle chiacchiere di cortile, pensiamo in grande. Abbiamo aziende multinazionali, una dimensione dei problemi sovranazionale – ha aggiunto Delrio – pensate all’immigrazione. Sono problemi enormi, per cui i cittadini italiani vadano a votare ragionando di Europa, del fatto che l’Europa permetterà, per esempio, un grande programma di lotta alla disoccupazione giovanile, che sta partendo in questa il piano garanzia giovani, che l’Europa è appunto la nostra casa di origine e anche, credo, il nostro destino. Non curiamoci delle chiacchiere di cortile, pensiamo in grande”. “Abbiamo bisogno degli Stati Uniti d’Europa, di difesa unica comune, di sistemi bancari che hanno le stesse regole. Una piccola impresa italiana ha più difficoltà di accesso al credito di una piccola impresa tedesca”.

Poi, Delrio interviene e spiega i futuri interventi : “La Sicilia poteva sfruttare molto meglio i fondi comunitari. Sono sicuro che li sfrutteremo meglio, anche se dobbiamo recuperare un ritardo che, nonostante gli sforzi dei miei predecessori, Barca e Trigilia, è un ritardo ancora pesante, molto pesante. Per questo io sarò spesso in Sicilia”. “Io gestirò i fondi europei in questo governo: ho trovato più di 180 miliardi di euro. Sono tantissimi per ricerca e sviluppo, credito di imposta, imprese innovative e assunzioni di giovani. Noi questi soldi non li vogliamo più sprecare. Non sprecheremo nemmeno un euro di questi soldi saranno puntati moltissimo ad appoggiare l’economia autosostenibile”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook