Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PALERMO: NUOVO CROLLO DI UNA PALAZZINA ALLA “VUCCIRIA”

PALERMO: NUOVO CROLLO DI UNA PALAZZINA ALLA “VUCCIRIA”

L'edificio interessato si trova in via Terra delle Mosche ed era disabitato. Alcune famiglie delle costruzioni accanto sono state allontanate momentaneamente per precauzione. La palazzina si trova a pochi metri da quella che si è sgretolata lo scorso febbraio. I residenti dei fabbricati accanto sono stati messi in sicurezza, dovrebbero essere circa 15 persone, subito scese in strada per precauzione. Non vi sono feriti, sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, la polizia municipale e mezzi di soccorso.

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. Niente feriti per il crollo di parte di un edificio in via Terra delle Mosche, nel copoluogo siciliano nel quartiere Vucciria, per fortuna in un vicoletto dove la gente non passa. La vecchia palazzina si trova nella zona di piazza Garraffello e si è sgretolata nelle prime ore del mattino, secondo i primi rilievi, non vi sono feriti, era disabitata . Nella zona limitrofa, quest’inverno si era già verificato un altro crollo. L’antica costruzione era su tre piani ed era disabitata. Sono subito intervenuti i vigili del fuoco, la polizia e i tecnici del Comune. Alcune famiglie che abitano nei palazzi accanto sono state messe in sicurezza per precauzione. Secondo i primi controlli effettuati dal personale specializzato, le abitazioni non sarebbero a rischio e i residenti potrebbero attendere almeno due giorni prima di poter rientrare nei loro alloggi. Si prevede un tempo limitato, infatti, si prevede che l’impresa assunta dal Comune metta in sicurezza quel che resta della palazzina caduta in breve tempo. Così, un altro edificio della vecchia Palermo cede all’usura e all’incuria. Sul posto, oltre a vigili del fuoco, forze dell’ordine e mezzi di soccorso inviati per precauzione. Questa mattina è arrivato il neo assessore al Centro storico, Emilio Arcuri che ha subito evidenziato il problema dell’abbandono della Vucciria. Intanto la piazza era stata chiusa al passaggio di veicoli dallo scorso febbraio. Mese in cui cedettero le mura portanti di un altro vecchio edificio e dove, nella zona, sono ancora al lavoro gli operai per cancellare la scritta dell’artista austriaco Uwe che con una bomboletta spray, per “provocazione”, aveva scritto sulla fontana del Garraffello “Si vende” con il preciso intento di concentrare l’attenzione sull’abbandono e il degrado del luogo. Intanto da stamane sono già al lavoro i mezzi che asporteranno le macerie e metteranno in sicurezza i punti limitrofi al luogo del crollo.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook