Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MESSINA: GENOVESE TORNA A CASA AGLI ARRESTI DOMICILIARI

MESSINA: GENOVESE TORNA A CASA AGLI ARRESTI DOMICILIARI

Il deputato del Pd, Francantonio Genovese indagato per truffa e frode fiscale nell'ambito dell'inchiesta sulla formazione in Sicilia, torna a casa agli arresti domiciliari. Lo ha deciso il gip di Messina. L’onorevole si era costituito nei giorni scorsi nel carcere messinese di Gazzi dopo l'ok della Camera all'arresto. Il legale del politico messinese ha reso noto che sono state: "Attenuate le esigenze cautelari". Mentre il procuratore Ardita: "Valuteremo se presentare ricorso"

Print Friendly, PDF & Email

Messina. Il deputato Pd Francantonio Genovese torna casa agli arresti: il gip di Messina ne ha disposto i domiciliari. Il politico si era costituito nei giorni scorsi nel carcere messinese di Gazzi dopo l’ok della Camera all’arresto. Genovese ha lasciato il carcere di Messina accompagnato dalla moglie Chiara e dall’avvocato Antonino Favazzo ed essendo sottoposto agli arresti domiciliari, non ha potuto parlare con i giornalisti. Il parlamentare è indagato per associazione per delinquere truffa e frode fiscale nell’ambito dell’inchiesta sulla formazione in Sicilia. Il gip di Messina ha scritto: “Dopo l’interrogatorio il quadro di gravità indiziaria appare confermato e, per alcuni versi, consolidato e quindi permane il concreto pericolo di reiterazione di analoghe condotte criminose”. Secondo il giudice: “può convenirsi con la difesa con una parziale attenuazione delle esigenze cautelari con gli arresti domiciliari e il divieto di comunicare con persone non della famiglia”. l’avvocato Antonino Favazzo legale del politico messinese ha dichiarato: “Il giudice ha ritenuto che si sono attenuate le esigenze cautelari, ma in verità lo erano già prima dell’emissione dell’arresto”. “Hanno contribuito i nuovo documenti e soprattutto il fatto che Genovese era da tempo fuori dal giro della formazione, quindi anche prima del suo arresto”. Il procuratore aggiunto Sebastiano Ardita ha detto: “la Procura di Messina come è solita fare, non commenta le decisioni dei giudici – ha aggiunto – Come da prassi, valuteremo se presentare ricorso al tribunale del riesame”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook