Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

BELPASSO (CT): COPPIA DI ANZIANI INTOSSICATA DA GRUPPO ELETTROGENO, MUORE IL MARITO

BELPASSO (CT): COPPIA DI ANZIANI INTOSSICATA DA GRUPPO ELETTROGENO, MUORE IL MARITO

La coppia aveva acceso dentro casa il gruppo elettrogeno alimentato con motore a scoppio, è stato fatale per il venditore ambulante Vincenzo Bumbica, 60 anni, che è morto avvelenato dal monossido di carbonio sprigionato dal tubo di scappamento. La moglie, Anna Maria Boccadella, 55 anni, è stata ricoverata nell'ospedale di Paternò gravemente intossicata, ma non è in pericolo di vita. A dare l’allarme e i primi soccorsi i figli che sono subito accorsi insospettiti perché non rispondevano al telefono.

Print Friendly, PDF & Email

Belpasso. Si chiamava Vincenzo Bumbica, 60 anni, era venditore ambulante, morto intossicato dal monossido di carbonio sprigionato dal tubo di scappamento di un gruppo elettrogeno alimentato con carburante che era stato acceso dentro casa. La moglie, Anna Maria Boccadella, 55 anni anche lei è rimasta gravemente avvelenata dalle esalazioni venefiche. L’incidente è accaduto ieri sera in contrada Pracchio di Belpasso, nel Catanese, ma la notizia si è appresa soltanto oggi. A dare l’allarme i figli che si sono insospettiti perché i genitori non rispondevano alle loro chiamate telefoniche. Dopo la segnalazione, sul posto sono arrivati i carabinieri che hanno avviato le indagini per accertare la dinamica della tragico incidente. Secondo una prima ricostruzione a provocare la tragedia sarebbe stata l’accensione del gruppo elettrogeno e la mancata apertura di una porta o di una finestra, che avrebbe consentito alle esalazioni venefiche di poter defluire fuori dall’appartamento. L’uomo, si trovava sul divano vicino alla stanza dove era in funzione il gruppo elettrogeno, è morto. La moglie che dormiva nella stanza da letto è rimasta gravemente intossicata, ma non rischia la vita e si trova ricoverata nell’ospedale di Paternò. La salma della vittima è stata trasferita nell’obitorio dell’ospedale Garibaldi di Catania per l’autopsia. La Procura di Catania coordina le indagini dei carabinieri della compagnia di Paternò che sono al lavoro per definire le modalità del tragico incidente.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook