Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

TRAPANI: DELITTO ROSTAGNO, CONDANNATI ALL’ERGASTOLO 2 CAPIMAFIA

TRAPANI: DELITTO ROSTAGNO, CONDANNATI ALL’ERGASTOLO 2 CAPIMAFIA

Sono passati 25 anni dal delitto del giornalista-sociologo Mauro Rostagno. I boss mafiosi Vincenzo Virga (mandante) e Vito Mazzara (esecutore) dell'assassinio del giornalista sono stati condannati all’ergastolo. La sentenza è stata letta in un clima di grande tensione in aula commozione e nello stesso tempo soddisfazione tra gli amici di Rostagno. Fu Antonio Ingroia, allora pm della Dda di Palermo, a riaprire il caso su indicazione del capo della squadra mobile Giuseppe Linares, ora dirigente della Dia campana.

Print Friendly, PDF & Email

Trapani. Fu cosa nostra a uccidere Mauro Rostagno. Sono passati più di 25 anni e quasi tre giorni di camera di consiglio per confermare che non esiste altro movente e il giornalista-sociologo venne eliminato perché aveva puntato il dito sugli interessi della mafia trapanese. Infatti, la corte d’assise ha condannato all’ergastolo i boss Vincenzo Virga quale mandante e Vito Mazzara come esecutore materiale dell’agguato. La sentenza è stata letta in un clima di forte tensione e soddisfazione da parte degli amici di Rostagno. Con questo verdetto si fa luce su una vicenda riaperta dopo una lunga stasi investigativa fuorviata da piste che si sono svelate senza fondamento. A riaprire il caso su indicazione del capo della squadra mobile Giuseppe Linares, ora dirigente della Dia campana, fu Antonio Ingroia, allora pm della Dda di Palermo. Il nuovo impianto investigativo ha di fatto escluse categoricamente la tesi che aveva escluso la matrice mafiosa del delitto e l’aveva condotta all’interno della comunità Saman per tossicodipendenti. Storie private si sarebbero intrecciate con una confusa gestione della struttura. Congetture senza via d’uscita erano “pregiudizi di chi indagò sull’assassinio” ha dichiarato il pm Gaetano Paci. Rostagno invece fu ucciso per il suo “esemplare lavoro giornalistico” che aveva tanto infastidito cosa nostra. Passato attraverso l’esperienza della contestazione, negli anni Ottanta era approdato a Trapani dove aveva fondato la comunità Saman con il suo amico Francesco Cardella.

Il giornalista-sociologo aveva allargato in Sicilia l’orizzonte del suo impegno diventando una voce scomoda dell’informazione. Al punto che con i suoi interventi dagli schermi di Rtc di Trapani il giornalista-sociologo era diventato una “camurria” (rompiscatole). Così lo aveva definito Francesco Messina Denaro, padre del superlatitante Matteo. Rostagno seguiva le tracce dei traffici di droga, dei legami tra mafia e massoneria deviata, del malaffare nella pubblica amministrazione. Con i suoi servizi, ha sottolineato l’altro pm Francesco Del Bene, aveva “svelato il volto nuovo della mafia a Trapani”. Era il passaggio da organizzazione tradizionale a struttura moderna e dinamica, gli intrecci con i poteri occulti, le nuove alleanze, il controllo del grande giro degli appalti. Mafia, dunque, “ma non solo mafia” ha puntualizzato l’accusa che ha puntato il dito, nella requisitoria conclusa con la richiesta di ergastolo per i due imputati, sulle omissioni investigative equiparate a veri e propri depistaggi culminati con l’arresto della compagna di Rostagno, Chicca Roveri. Quella sera del 26 settembre 1988, Rostagno, lasciata la redazione di Rtc, stava tornando in comunità. Al suo fianco sull’auto c’era la segretaria Monica Serra. La zona di Lenzi era al buio per un inspiegabile guasto alla centrale elettrica. Dopo la prima fucilata Rostagno ebbe la forza, quando era stato già colpito alla spalla, di spingere la ragazza sotto il sedile. Poi fu ucciso con diversi colpi di pistola. Il racconto della teste, morta otto mesi fa per cause naturali, è stato uno dei punti di forza dell’accusa. Ma i difensori hanno messo in discussione quella ricostruzione ipotizzando addirittura che Monica Serra non fosse in auto al momento dell’agguato. Per loro l’unica vera pista restava quella che portava alle storie interne alla comunità Saman. Dopo oltre 25 anni i giudici hanno scritto verità diverse sulla morte di Rostagno perché con i suoi servizi aveva svelato il profilo della nuova mafia trapanese.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook