Archiviato in | Calcio, Sport, Sport Brevi

CALCIO CATANIA: DIARIO DI UNA STAGIONE FALLIMENTARE

CALCIO CATANIA: DIARIO DI UNA STAGIONE FALLIMENTARE

Il Catania è matematicamente retrocesso. Serie B, dopo un anno di dispiaceri ed errori.

Print Friendly, PDF & Email

Calcio Catania. Un anno fa come oggi, solo ipotizzare un epilogo simile sembrava assurdo e invece, con una giornata di anticipo dalla fine del campionato, siamo testimoni di una “clamorosa” retrocessione del Catania di Antonino Pulvirenti. Un Presidente che ha fatto sognare tanto, che ha regalato gioie immense ai sostenitori rossoazzurri adesso è il testimone di una retrocessione che ha dell’assurdo, questo secondo quello che pensa la gran parte dei tifosi rossoazzurri. Fondamentalmente sappiamo tutti che non è così, quando vi è una retrocessione la colpa è proprio della squadra al completo. In effetti quest’anno i punti persi dai rossoazzurri lasciano pensare e non poco, basti valutare i pareggi casalinghi contro Sassuolo e soprattutto con il Cagliari, proprio la squadra sarda che nella scorsa giornata ha perso in casa contro il Chievo “segnando” la retrocessione ai rossoazzurri.
L’analisi veloce di questo campionato assolutamente disastroso è ancor più terrificante del campionato stesso, basti pensare ai 4 cambi di panchina, l’inizio con il confermatissimo Maran dopo una stagione ottima, passando poi per De Canio, allenatore che probabilmente nessun tifoso rossoazzurro vorrà più vedere dati i risultati a dir poco disastrosi. Poi il ritorno di Maran così come quello di Lodi a cercar di far sognare gli etnei che questa stagione potesse divenire una favola. Invece l’inizio per Maran è risultato molto buono, la fine la conosciamo tutti, con la chiamata di Pellegrino per le ultime giornate a cercare di traghettare i rossoazzurri da una situazione di classifica a dir poco disperata. Che poi Pellegrino abbia fatto un ottimo lavoro, per quello che gli è stato possibile, non ci sono dubbi, ma non è bastato, forse, il Catania si è svegliato troppo tardi, forse quel calciomercato di inizio anno ha segnato, forse il cambio e ricambio di troppi giocatori non è servito a nulla. In effetti anche il calciomercato, diciamo, che quest’anno non è stato molto fortunato, specialmente quello estivo. Basti pensare ai nomi di Tachtsidis e Guarente per far venire i brividi ai tifosi etnei, per assegnare a Leto, il numero 11 del Catania. Tante aspettative, ma della sua stagione ricordiamo solo la bellissima rovesciata contro la Sampdoria e poi i tanti errori, o ancora peggio basta nominare Lodi, non che lui abbia fatto una brutta seconda parte di stagione, ma quel cedere e richiamare diciamo che non è stato assolutamente accettato tutt’ora da nessun tifoso rossoazzurro. Ma elenchiamo anche le note positive come Rinaudo, l’ex capitano dello Sporting Lisbona adesso compete addirittura per una maglia al prossimo Mondiale, grazie a una seconda parte di stagione da sogno per il numero 15 etneo.

Gennaio, un mese dal quale i tifosi attendevano un calciomercato da urlo che poteva cambiare radicalmente un inizio disastroso, ma gli arrivi di Lodi e Rinaudo non sono bastati, infatti si aspettava una punta, un ricambio a Bergessio. “El Toro” avendo iniziato la stagione con tanti problemi fisici, di sicuro non poteva reggere 38 partite di campionato, c’era bisogno di un ricambio, i tifosi sognavano Floccari o Rolando Bianchi e invece è arrivato Fedato, un ragazzo di ottime prospettive, ma non quello che cercava il Catania, i rossoazzurri avevano bisogno di esperienza e gol, requisiti che al momento mancano al talentuoso ex giocatore del Bari.
Questi sono alcuni dei fattori che hanno contribuito a questo disastroso risultato, ma oltre a ciò bisogna aggiungere anche la sfortuna che ha avuto un ruolo a dir poco fondamentale in questa stagione, con Bergessio che con i numerosi problemi fisici non ha potuto dare al cento per cento il suo contributo, stesso problema per Barrientos o per i due portieri che si sono alternati ovvero Andujar e Frison. Ma ci sono, paradossalmente, anche le note positive, così come la scoperta di Peruzzi, terzino adesso ambito dalle più grandi compagini europee o come Rinaudo già prima nominato.

Serie B, questa è la dura realtà. Anche se qualcuno ancora si attacca ad una speranza, molto piccola ma presente. Con il nuovo regolamento ogni squadra di Serie A dovrà avere una capienza minima nel proprio stadio di minimo 20.000 posti, attualmente il Sant’Elia può ospitare un massimo di circa 5.000 persone quindi al momento la squadra sarda non potrebbe iscriversi al nuovo campionato di Serie A. L’allarme è stato lanciato dal Sindaco Zedda dato che i tempi stanno stringendo: “noi abbiamo fatto tutto quello che era di nostra competenza, abbiamo depositato i documenti richiesti dalla commissione. Spero che questa settimana possa essere quella decisiva”, spiega Zedda. La speranza è che comunque vi possa essere una deroga a ridurre la capienza degli stati a 16.000 posti. La speranza è minima dato che comunque il Cagliari potrebbe pure decidere di iscriversi e utilizzare un altro stadio. Ma c’è un altro “ma”, il Catania se volesse essere ripescato dovrebbe arrivare terzultimo, dovrebbe quindi vincere contro l’Atalanta domenica nell’ultima partita casalinga, impresa non semplice dato che i bergamaschi arrivano da una vittoria contro il Milan. Tutto è da vedere.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook