Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

POZZALLO (RG): SCAFISTI INCASTRATI DA VIDEO, 5 I FERMATI

POZZALLO (RG): SCAFISTI INCASTRATI DA VIDEO, 5 I FERMATI

Gli scafisti sono stati ripresi da un giovane siriano che aveva filmato il viaggio e che si doveva recare in Svezia con la famiglia. I 233 profughi avrebbero sborsato 6.000 euro cadauno facendo guadagnare all’organizzazione un totale di circa 460mila euro

Print Friendly, PDF & Email

Pozzallo. La polizia di Ragusa ha fermato due presunti scafisti che avrebbero condotto a Pozzallo 233 siriani arrivati due giorni fa con un barcone soccorso da una nave della Marina militare italiana. Accusati due tunisini che, al dire di alcuni testimoni, avrebbero ricevuto per il viaggio un compenso di 6.000 euro ciascuno, per un totale di circa 460mila euro. La squadra mobile di Ragusa avrebbe allegato agli atti delle indagini un filmato del viaggio acquisito con un telefonino da uno dei migranti, inoltre gli agenti hanno appurato attraverso ulteriori conferme come, ormai, i pagamenti degli scafisti avvengano non più in contanti, ma con transazioni elettroniche, come risulta da prove raccolte con l’esame dei telefoni cellulari.     Si tratta di un giovane siriano che ha consegnato il filmato agli agenti in cambio di un aiuto per raggiungere i propri familiari in Svezia. I due indagati, sono stati condotti in carcere e sono: Haykel Saiidi, di 26 anni e del diciottenne Nader Ben Mouhamed Wertani. Il testimone pare che abbia acquisito il video per ricordo, lo avrebbe dichiarato agli agenti di polizia, motivando di averlo fatto per far capire ai figli una volta cresciuti il rischio corso. Durante il viaggio, durato circa 11 ore, l’uomo e la sua famiglia non hanno ricevuto né cibo né acqua. Sono stati soccorsi da una portacontainer maltese che poi li ha condotti nel porto di Pozzallo. A Siracusa sono stati fermati quattro tunisini per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina nell’ambito delle indagini avviate sullo sbarco avvenuto due giorni fa ad Augusta di 944 migranti. Mentre a Catania è stato fermato un ventottenne nativo del Gambia, Omar Bah, accusato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. È incriminato di essere lo scafista di un gommone con a bordo 76 migranti soccorso in acque internazionali dalla nave della marina militare Scirocco.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook