Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

GIARRE (CT): PAGAVANO GLI ACQUISTI CON ASSEGNI RUBATI, CINQUE ARRESTI

GIARRE (CT): PAGAVANO GLI ACQUISTI CON ASSEGNI RUBATI, CINQUE ARRESTI

I Carabinieri di Giarre durante l'operazione "Gold and wine" hanno incastrato una banda formata da tre uomini e due donne, scoprendo truffe e raggiri commessi tra il 2013 e il 2014

Print Friendly, PDF & Email

Giarre. I Carabinieri di Giarre durante l’operazione “Gold and wine” hanno incastrato una banda dedita a furti e truffe: sono finiti in manette tre uomini e due donne. I provvedimenti restrittivi, richiesti dalla Procura di Catania, due in carcere e tre ai domiciliari, sono stati eseguiti a Giarre, Aci Catena, Aci Castello, Aci Sant’Antonio e Martina Franca (Taranto). I reati ipotizzati, a vario titolo, sono associazione per delinquere, furto, truffa, falso e ricettazione. Gli arrestati sono: Michele Beninato, classe 1988, condotto nel carcere di Taranto; Domenico Viscuso, classe 1982, condotto nel carcere di Catania Piazza Lanza; ai domiciliari sono finiti: Aurelio Michele Giuffrida, classe 1990, Laura Leonardi, classe 1982 e Maria Grazia Licciardello, classe 1987. Gli investigatrori hanno lavorato per due mesi, scoprendo una serie di truffe e furti ai danni di vari esercizi commerciali tra Giarre ed Acireale. In particolare il 30 gennaio 2014 in un noto ristorante di Sant’Alfio, paesino alle pendici dell’Etna, si sono presentati Viscuso, Leonardi, Beninato e Licciardello, e dopo aver consumato un ricco pranzo hanno pagato il conto con un assegno preso da un carnet rubato l’estate scorsa ad Aci Castello, ovviamente intestandolo falsamente a una fantomatica “Rosa De Maria”, inoltre i quattro approfittando della distrazione del personale di sala hanno rubato diverse bottiglie di vino pregiato. Non contenti della truffa e del furto appena compiuti, la notte del 2 febbraio Viscuso e Giuffrida, sono ritornati al ristorante e dopo aver infranto una finestra sono penetrati all’interno dell’esercizio commerciale e hanno trafugato un grande televisore da 50 pollici.

I Carabinieri di Sant’Alfio, dopo aver controllato le immagini del sistema di videosorveglianza del ristorante, nel giro di pochi giorni, hanno identificato i 5 malfattori. Dalle perquisizioni domiciliari nelle rispettive abitazioni del Viscuso, Leonardi e Licciardello è stata recuperata parte della refurtiva, tra cui il televisore, ma anche il carnet di assegni rubato, dal quale, ormai, mancavano quasi tutti i titoli ovviamente rifilati a ignare persone per compiere altre truffe e raggiri. Infatti dall’analisi delle intestazioni del carnet si è scoperto che i truffatori avevano acquistato da due gioiellerie di Aci Sant’Antonio, mediante gli assegni rubati, monili per un valore di oltre 2.000 euro, per poi rivenderli a un compro oro di Catania. Gli esercenti truffati non hanno fatto altro che confermare quanto fin lì ipotizzato dagli investigatori: la tecnica delle truffe era sempre la stessa: Viscuso, Leonardi, Beninato e Licciardello si presentavano in gioiellerie o attività di ristorazione come coniugi e con la scusa della carta bancomat non funzionante inducevano i titolari ad accettare il pagamento con assegno, nella maggior parte dei casi le due donne fungevano da “ammaliatrici” mentre gli uomini, con numerosi precedenti penali per reati contro il patrimonio, avevano il ruolo di “scout” ed individuavano di volta in volta le vittime di furti e raggiri perpetrati da agosto 2013 a febbraio 2014. Gli inquirenti non escludono che qualche altro commerciante sia stato vittima delle loro truffe. Sono ancora in corso verifiche per accertare se la banda abbia messo a segno ulteriori truffe o raggiri.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook