Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

SIRACUSA: ORGANIZZAVANO FALSI MATRIMONI CON MIGRANTI, 4 FERMI

SIRACUSA: ORGANIZZAVANO FALSI MATRIMONI CON MIGRANTI, 4 FERMI

Su indicazione della Procura di Siracusa le forze dell’ordine hanno fermato due siciliani e due eritrei. l'accusa nei loro confronti è di favoreggiamento dell'ingresso illegale in Italia di cittadini extracomunitari. Organizzavano falsi matrimoni all'estero tra cittadini italiani ed extracomunitari. Sono accusati di far parte di una organizzazione con terminali a Siracusa e Roma, Addis Abeba e Gerusalemme

Print Friendly, PDF & Email

Siracusa. (foto di repertorio) – Organizzavano falsi matrimoni all’estero tra cittadini italiani ed extracomunitari. Scoperta la truffa, Le forze dell’ordine coordinati dalla procura di Siracusa hanno fermato due siciliani e due eritrei: i siracusani Antonio Miraglia, 41 anni e Michelangelo Lombardo, di 35, e due eritrei, una donna, Frewoini Amelash Segid, 44 anni, e Daniel Haile, di 47. L’accusa nei loro confronti è di favoreggiamento dell’ingresso illegale in Italia di cittadini extracomunitari. Con questo escamotage regolarizzavano la posizione di alcuni immigrati, soprattutto eritrei. La truffa è stata scoperta grazie all’intervento delle forze dell’ordine coordinati dalla Procura di Siracusa. I fermati sono accusati di far parte di una organizzazione con terminali a Siracusa e Roma, Addis Abeba e Gerusalemme; l’accusa nei loro confronti è di favoreggiamento dell’ingresso illegale in Italia di cittadini extracomunitari. L’inchiesta è stata coordinata dal procuratore Paolo Giordano e dai sostituti Antonio Nicastro e Delia Boschetto. Secondo l’accusa Miraglia reclutava gli italiani disposti, dietro compenso, a sposare straniere ad Addis Abeba o a Gerusalemme. Da alcune intercettazioni telefoniche, l’indagato parlava di macchine per indicare le donne e di camion intendendo gli uomini. Delle false nozze veniva chiesta la trascrizione nei registri dello Stato civile del Comune di Siracusa, in modo da fare poi domanda di ricongiungimento del coniuge che poteva così acquisire la cittadinanza italiana. Continuano le indagini per accertare si vi siano altri complici implicati nella truffa.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook