Archiviato in | Cronaca Regionale, Musica, Spettacolo

MASSIMO DI CATALDO RACCONTA I SUOI 20ANNI DI MUSICA E SUCCESSI

MASSIMO DI CATALDO RACCONTA I SUOI 20ANNI DI MUSICA E SUCCESSI

Di Cataldo in questi giorni sta percorrendo tutta la Sicilia per incontrare i suoi fan e raccontare i suoi vent’anni di successo. “Soli”, “Se adesso te ne vai”, “Come il mare”, “Scusa se ti chiamo amore”, “La fine del mondo” sono alcuni dei grandi successi firmati da Di Cataldo. Lo abbiamo incontrato negli studi di “Studio 90 Italia” al termine del programma radiofonico di Paola 4.

Print Friendly, PDF & Email

Massimo Di Cataldo. Sono trascorsi più di vent’anni da quando Massimo Di Cataldo arrivò alla fase finale del “Festival di Castrocaro” facendosi conoscere dal grande pubblico. Oggi, nonostante il meritato successo che negli anni ha ricevuto da tutto il mondo, il cantautore romano è rimasto il “bravo ragazzo” di sempre. Una persona a cui il successo non ha fatto cambiare il modo di vivere la sua vita ma che, invece, gli ha permesso di essere di esempio per tutte quelle nuove generazioni che oggi si affacciano nel panorama musicale. Di Cataldo in questi giorni sta percorrendo tutta la Sicilia per incontrare i suoi fan e raccontare i suoi vent’anni di successo. “Soli”, “Se adesso te ne vai”, “Come il mare”, “Scusa se ti chiamo amore”, “La fine del mondo” sono alcuni dei grandi successi firmati da Di Cataldo. Lo abbiamo incontrato  negli studi  di “Studio 90 Italia” al termine del programma radiofonico di Paola 4.

Da diversi giorni è in giro per la nostra Isola. Qual è il suo rapporto con la Sicilia?

“Bellissimo. Mi sono sempre trovato bene e c’è sempre stato un grande  scambio attraverso la mia musica con il pubblico siciliano. Mi sono trovato sempre sostenuto anche nel tempo. Il nostro rapporto va avanti da tanti anni ed è sempre un piacere tornare qui”.

Come nasce un brano?

“Le canzoni nascono quasi da momenti di astrazione. Momenti in cui mi ritrovo con qualcosa che mi gira per la testa.  Una forma di creatività spontanea che quando mi viene comincio a prendere appunti che poi diventano una canzone. Ci lavoro al pianoforte o alla chitarra. Scrivo il testo. Poi alla fine si trasforma in qualcosa di concreto che posso condividere con gli altri”.

In vent’anni di carriera, rispetto al suo esordio, cos’è cambiato nel panorama musicale?

“Un tempo era più difficile però era più facile. È strano perché oggi è tutto più facile ma diventa difficile. Un tempo se c’era il talento era difficile arrivare ad avere dei contatti ed affacciarsi al pubblico. Però se c’era il talento questa cosa passava e poi rimaneva nel tempo. Oggi, invece, tutto è più facile. In poco tempo si creano dei personaggi della televisione e diventano molto noti . Questo crea un flusso che diventa una corrente più forte che trascina con se quelli che magari sarebbero diventati degli evergreen. Oggi è tutto più a uso e consumo. Si cambia molto più velocemente un brano. E poi sto notando che c’è tanta più proposta. E’ più facile uscire ma più difficile affermarsi”.

E cosa ne pensa dei talent?

“E’ un’alternativa limitata e limitante perché attraverso il talent passano gli interpreti. Perché tutto quello che in passato poteva essere la scuola cantautorale  viene un po’ messa in difficoltà. Ci sono delle realtà di nicchia che però non riescono ad arrivare al grande pubblico mentre invece nei talent magari cambia l’interprete ma la canzone è sempre quella”.

Ed il Festival di Sanremo funziona ancora in Italia?

“Ha un suo seguito.  Credo che dovrebbe essere indirizzato più al pop. Una musica non troppo sofisticata. Sanremo ha sempre funzionato quando c’erano i sentimenti quindi canzoni molto condivisibili dal pubblico. Se si vuole la semplicità è un punto di arrivo e non di partenza. Sanremo fa parte della nostra storia”.

 

Recentemente ha collaborato con Rai Yo Yo, com’è nata questa iniziativa?

“Avendo una bimba piccola cominciavo a vedere le trasmissioni televisive per bambini e mi sono interessato. Mi hanno molto stimolato. Trovo che nell’infanzia si possano assimilare tante cose. Ho cominciato a fare ascoltare i Beatles a mia figlia perché ne sono sempre stato attratto. Allora ho cercato di mettere insieme queste cose ed ho creato delle canzoncine molte semplici che poi ho proposto alla redazione di Yo Yo e sono piaciute molte. Diverse sigle tra cui quelle della “Posta”, conosciuta da tutti i bimbi e “Le fiabe della notte”.

Che papà è Massimo Di Cataldo?

“Molto giocoso. Mi piace giocare con la mia bimba e condividere le mie cose senza imporle. Credo che c’è molto da imparare dai bimbi perché hanno una spontaneità che noi abbiamo perso. Mi piace condividere le situazioni, parlare di quello che accade. Però anche fare le cose più semplici, fare la spesa, andare al cinema. Sono un papà responsabile che lascia spazio alla creatività che hanno i bimbi. La mia bambina  è molto stimolante e io spero di darle dei principi e dei valori”.

Guardando indietro, c’è stato qualcosa nella sua carriera che oggi non rifarebbe più?

“Music Farm  se l’avessi vista l’avrei evitata. Perché la musica era pretestuosa. Era un gioco televisivo di scherno e zizzanie. Molto più simile al Grande Fratello che a Canzonissima, per come mi era stata prospettata. Sicuramente era divertente il fatto di sfidarsi a colpi di canzoni però poi non abbiamo aggiunto nulla a quello che musicalmente era già stato fatto. Si è fatta una televisione dei tempi moderni, anche se ultimante si sta cominciando a sterzare per ritornare ad una forma di pulizia della tv. Ahimè ancora si fa più scalpore quando si litiga e non quando si fa pace”.

Progetti futuri?

“Sto lavorando ad un disco nuovo, importante ed impegnativo. Un disco nato nel corso degli ultimi anni e dove ci sono delle canzoni molto profonde.  Ancora non c’è una data di uscita perché sono dell’idea che un album deve rimanere nel tempo e quindi ci vuole l’onda giusta come nel surf. Oggi è tutto così facile che la corrente potrebbe portarselo con se e farlo perdere. Questo progetto è la mia vita e quindi ci sto attento. Nel frattempo continuo a fare musica e in programma c’è un tour che toccherà anche la Sicilia perché lavorare qui per me è molto stimolante grazie alla gente che c’è e alla sua vivacità”.

 

Una risposta a “MASSIMO DI CATALDO RACCONTA I SUOI 20ANNI DI MUSICA E SUCCESSI”

  1. Domenico ha detto:

    grande massimoooo, aspetterò con ansia l’uscita del tuo prossimo capolavoro!!
    sei un grandissimo artista!!!

Trackbacks/Pingbacks


Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook