Archiviato in | Politica, Politica Regionale

ARS: STIPENDI D’ORO REGIONE SICILIANA, PRIMO OSTACOLO ALL’EMENDAMENTO

ARS: STIPENDI D’ORO REGIONE SICILIANA, PRIMO OSTACOLO ALL’EMENDAMENTO

Stoppata in commissione Bilancio la proposta che fissa a 200 mila euro lordi annui omnicomprensivi il tetto massimo per gli stipendi di dipendenti dell'Assemblea Siciliana, della Regione e degli enti controllati. Il presidente Ars: "Inammissibile per burocrati e pensionati". Cracolici insiste: "Non sembrano cifre da fame, - Ripresenterò l'emendamento in aula supportando con una relazione tecnica: questa partita è appena cominciata".

Print Friendly, PDF & Email

Ars. Si ferma in commissione Bilancio l’emendamento sul tetto agli stipendi d’oro dei burocrati del Parlamento siciliano e della Ars. La proposta era stata presentata dal presidente della commissione Affari istituzionali Antonello Cracolici (Pd). L’emendamento fissa a 200 mila euro lordi annui omnicomprensivi il tetto massimo per gli stipendi di dipendenti dell’Assemblea, della Regione e degli enti controllati. Ma tarda sera, nel pieno dei lavori sulla manovra correttiva, in commissione Bilancio è arrivata una nota del presidente dell’Ars, Giovanni Ardizzone, nella quale si dichiara l’inammissibilità dell’emendamento anti stipendi d’oro ma solo per i burocrati e i pensionati dell’Assemblea, lasciando aperta la possibilità di inserire il tetto per i dipendenti della Regione. Quindi La norma non è stata stralciata e nemmeno votata. La nota inviata dalla presidenza dell’Ars, richiama l’articolo 4 dello statuto speciale che prevede una autoregolamentazione dell’amministrazione del Parlamento regionale. Proprio in questi giorni si è riaccesa la polemica sullo stipendio del segretario generale dell’Ars, in merito il responsabile Welfare del Pd Davide Faraone è intervenuto: “Guadagna 500 mila euro, il doppio del presidente Napolitano”. Critiche alla più alta carica burocratica dell’Ars in passato anche dal governatore Rosario Crocetta e dai parlamentari dei 5 stelle che più volte hanno chiesto, invano, alla Presidenza dell’Ars di conoscere la cifra esatta del compenso del segretario generale.Ma il deputato Cracolici interviene: “con il mio emendamento mi limito a fissare un tetto alle retribuzioni senza entrare nel merito dei contratti che competono alla regolamentazione dell’Ars, non voglio disciplinare il reddito ma fissare un tetto in base a un principio universalistico per tutti i dipendenti pubblici. La stessa cosa l’ho fatta nel 2007 quando con un mio emendamento è stato introdotto il tetto alle pensioni d’oro e ai compensi dei manager regionali”. Ancora, Cracolici interviene ricordando che il decreto Renzi ha stabilito un tetto di 240 mila euro a livello nazionale, “fissarlo in 200 mila euro in Sicilia non mi sembra scandaloso, non si tratta certamente di stipendi da fame”. Il deputato del Pd non si perde d’animo e torna alla carica affermando: “Ripresenterò l’emendamento in aula supportato da una relazione tecnica”, poi dice:”questa partita è appena cominciata”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook