Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

POZZALLO (RG): MIGRANTE UCCISO A BASTONATE

POZZALLO (RG): MIGRANTE UCCISO A BASTONATE

Il migrante trovato cadavere su un barcone, era eritreo e aveva vent’anni. Il giovane sarebbe stato colpito a morte con un bastone in Libia e poi calpestato dalla ressa di profughi costretti a salire di corsa sul natante. Agghiacciante il racconto dei testimoni. Picchiati e ammassati su un gommone, così piccolo che alcuni di loro hanno preso posto 'seduti' sul corpo dell'eritreo morto per le percosse ricevute. Questo è il tragico racconto di alcuni dei migranti soccorsi e portati in salvo ieri nel porto di Pozzallo. Durante l’operazione di salvataggio sono stati arrestati i due scafisti.

Print Friendly, PDF & Email

Pozzallo. Sarebbe stato ferito mortalmente prima di imbarcarsi il ventenne eritreo il cui corpo è da ieri a Pozzallo, dove sono arrivate altre 289 persone. Il giovane era stato picchiato in Libia con un bastone, ferito alla testa e poi calpestato dalla ressa di migranti costretti a salire di corsa sul natante. Questa è la ricostruzione della squadra mobile di Ragusa che ha arrestato i due scafisti che pilotavano il natante. Uno dei due ha 24 anni e proviene dalla Sierra Leone, l’altro è Ghanese e ha 19 anni. Ai due scafisti è contestato, come concorso ad eventuali altri reati, anche l’omicidio. Secondo gli investigatori, il giovane eritreo sarebbe rimasto ferito gravemente da un violento colpo di bastone ricevuto sul capo da alcuni degli organizzatori del viaggio, che su una spiaggia in Libia avrebbero picchiato tutti i migranti per costringerli a fare in fretta e a salire sul natante che doveva partire immediatamente per scongiurare il rischio di essere bloccati dalla polizia locale. Oltre alla lesione procurata dalla bastonata, la ferita sarebbe stata aggravata dai colpi involontari ricevuti da altri extracomunitari che lo hanno calpestato nella ressa che si è creata. I conterranei del ventenne eritreo avrebbero tentato di soccorrerlo, ma inutilmente Quando si sono accorti che era morto, si sarebbero opposti a gettare il corpo in mare, per dargli una sepoltura una volta arrivati a terra. La polizia ha appurato che i due presunti scafisti, scelti dai trafficanti tra gli stessi viaggiatori, sarebbero complici, anche se involontari, dell’omicidio del giovane ritreo. Oggi, l’autopsia che che sarà effettuata nell’obitorio del cimitero di Pozzallo. Ottenuto il referto finale, la squadra mobile della Questura redigerà un’informativa di reato che sarà presentata alla Procura di Ragusa.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook