Primo maggio: “Più lavoro, più solidarietà e più Europa”

Primo maggio: “Più lavoro, più solidarietà e più Europa”

Il primo maggio quest’anno è: "Più lavoro, più solidarietà e più Europa". Riunione a cui parteciperanno i lavoratori per onorare la festa del lavoro. Quindi, oggi sarà un’occasione di confronto per parlare di lavoro si, ma anche di lavoro che non c’è. Una riunione per i tanti artisti che, a partire dalle 16, si alterneranno sul palco della centrale piazza Università di Catania

Print Friendly, PDF & Email

Primo maggio in piazza Università con un concerto che inizierà alle ore 16 fino a mezzanotte. La manifestazione è organizzata da Cgil, Cisl e Uil, con la collaborazione del Comune etneo,una kermesse che sarà spunto per una riflessione sulle precarie condizioni del lavoro oggi. La convention è una novità per Catania che farà concorrenza a quello di Roma e che rispetterà gli stessi orari. Vi sarà esposto un grande striscione con la scritta “più lavoro più solidarietà e più Europa”, Questo è lo slogan nazionale che quest’anno aleggerà in tutte le piazze d’Italia. Nel capoluogo etneo si alterneranno sul palco band emergenti, musicisti, sindacati e istituzioni, per ricordare che il Primo Maggio è la festa dei lavoratori e del lavoro, ma anche un momento importante per focalizzare tutta l’attenzione su un settore, il lavoro, che nella realtà etnea e regionale è sempre meno. i segretari delle tre organizzazioni sindacali in una nota affermano che: “quella di oggi sarà una giornata di impegno civile di un territorio che chiede, come recita anche lo slogan nazionale, più lavoro più solidarietà e più Europa, in un momento di crisi terribile, in cui non ci si può chiudere in se stessi. Anche se c’è poco da festeggiare, e a Catania sono tante le vertenze che coinvolgono lavoratori di piccole e grandi aziende, e i precari degli enti pubblici, e tantissimi pensionati e famiglie soffrono pesanti disagi. Vogliamo lo stesso testimoniare – ribadiscono i rappresentati dei sindacati – la nostra voglia di lottare per il lavoro perché dà vita e dignità”. Quindi, quello di oggi sarà un’occasione di confronto, ma anche una riunione per i tanti artisti che, a partire dalle 16, si alterneranno sul palco della centrale piazza Università.

IL PROGRAMMA

Tre le 16 e le 19, si esibiranno i gruppi emergenti. Si partirà con Shaked (cover pop), The 64 Years (cover pop), Stop Motion, Beyond The Aura, Dirty Duck (indy folk acustico), Blumodo (pop rock), Epistheme (metal), Crossing over (cross rock), First impact (rock elettronico), New Generation Class, Karma Inverso (hard rock psichedelico), Karbonica (rock italiano), Noise Pollution, Karmanovo (pop folk), Marta Mauceri (cantautrice), Jo M (cantautore acustico). Poi, 19,30 – 20,30 un’ora di spazio dedicato alle istituzioni presentato dai giornalisti Antonello Carbone e Agata Saccone. Al termine sul palco l’Italian Brass Band, un ensemble composto solo da ottoni e percussioni, dell’istituto musicale Vincenzo Bellini.  Dalle 20 alle 20,30, il saluto dell’amministrazione comunale di Catania, con l’assessore alla Bellezza Orazio Licandro che prenderà la parola, e quello dei segretari generali sindacali provinciali. Dalle 20.30 alla mezzanotte, il finale di serata sarà condotto da Aldo Toscano. Si esibiranno Funkylab, 4 in Blues, Mojo Working, Mapuche, nome d’arte del cantautore acustico catanese Enrico Lanza; Gill e Pupi di Surfaro (quartetto di musica popolare antimafia); Giorgio Carbone and the Preachers (trio blues rock), Wild Bones, la jazz woman Agata Lo Certo in duo; Andrea Dell’Arpa, dal programma televisivo Mediaset Amici 2009, I Figli dell’Officina (Troina folk rock), le letture di Antonio Caruso, il gruppo rock Helletrik, gli Equal Zero, i Miracle (cover Queen Magazzini), Demo Mode, Nigga Radio e Cat Walks. Poi si chiuderà la giornata dei lavoratori che si daranno appuntamento all’anno prossimo con speranze e prospettive che la situazione migliori.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook