Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

ADRANO (CT): BLITZ ANTIDROGA, 27 ARRESTI IN MANETTE NICOLA MANCUSO

ADRANO (CT): BLITZ ANTIDROGA, 27 ARRESTI IN MANETTE NICOLA MANCUSO

Operazione, “Binario morto”. Il blitz è scattato all’alba e ha preso il nome dal luogo dove veniva esercitata tutta l’attività di spaccio (e in parte di smercio) della droga. La polizia ha sgominato due gruppi che si contendevano il mercato dello spaccio di cocaina ed eroina. I fermati avrebbero contatti con il gruppo mafioso dei Santangelo e quello emergente all'interno della stessa cosca legato a Rosano. E’ stato arrestato anche Nicola Mancuso, indagato per omicidio con l'accusa di avere inscenato il suicidio di Valentina Salamone

Print Friendly, PDF & Email

Adrano. Sono 27 le persone arrestate e un’ordinanza cautelare notificata a un soggetto già detenuto. Questo è il risultato di un’operazione antidroga eseguita dalla Polizia che ha decapitato due gruppi che si contendevano il mercato dello spaccio di cocaina ed eroina ad Adrano, paese in provincia di Catania. Gli indagati sono accusati a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti. Secondo l’accusa avrebbero avuto contatti con il gruppo mafioso dei Santangelo e quello emergente all’interno della stessa cosca legato a Rosano. L’indagine del commissariato della Polizia di Stato di Adrano è stata coordinata dai sostituti procuratori della Dda di Catania, Pasquale Pacifico e Laura Garufi. Il provvedimento restrittivo è stato emesso dal gip Rosa Alba Recupido. Uno dei due gruppi era gestito da Nicola Mancuso che sarebbe stato il referente di Antonino Santangelo, scomparso lo scorso anno a seguito di un incidente stradale, e ritenuto figlio del presunto boss locale Alfio Santangelo. Nicola Mancuso già conosciuto per via della vicenda legata all’uccisione della 19enne biancavillese Valentina Salamone il 18 aprile scorso è stato condannato a un anno e 4 mesi di reclusione per spaccio di cocaina dal presidente dei gip di Catania, Nunzio Sarpietro, a conclusione di un processo celebrato con il rito abbreviato. In quel caso, l’uomo era accusato di avere ceduto, la sera della morte della diciannovenne, tre dosi di droga ad altrettante persone. Il secondo gruppo sarebbe stato composto, invece, dai presunti referenti della famiglia Rosano-Pipituni (e del quale è ritenuto reggente Valerio Rosano, figlio di Vincenzo), Giovanni La Rosa e Antonino Zammataro.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook