Archiviato in | Cronaca, Religione

IL GIORNO DEI PAPI

IL GIORNO DEI PAPI

Per la grande festa di santificazione San Pietro ospiterà 150 cardinali, 700 vescovi, 122 delegazioni ufficiali, con 10 capi di governo e 24 capi di Stato, tra presidenti e reali. I Papi Francesco e Benedetto XVI concelebreranno la Santa Messa per la canonizzazione di Giovanni Paolo II e di Giovanni XXIII.

Print Friendly, PDF & Email

Il giorno dei Papi. Ormai è certo, alla solenne celebrazione di santificazione concelebrerà assieme a Papa Francesco il Papa emerito, Benedetto XVI. Quindi, Ratzinger sarà domani in Piazza San Pietro alla cerimonia di canonizzazione di Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II. E’ un evento unico nella storia che due Papi vengono proclamati santi insieme, e la messa sarà concelebrata da due Pontefici, uno in carica e l’altro emerito. L’annuncio è stato dato stamane dal portavoce vaticano, padre Federico Lombardi, durante un incontro con la stampa. Padre Lombardi responsabile della sala stampa vaticana, ha affermato: “Il Papa emerito Benedetto XVI ha accettato l’invito e ha comunicato a papa Francesco che sarà presente alla celebrazione di santificazione e che concelebrerà: quindi sarà anche concelebrante, il che non vuol dire che sarà all’altare”. Padre Lombardi ha precisato inoltre che: “verosimilmente i cardinali Sodano e Re e poi il cardinale Dziwisz, il cardinale Vallini e il vescovo di Bergamo: questi saranno all’altare. Il Papa emerito, invece, sta con i cardinali e vescovi sulla sinistra del sagrato e saremo tutti lieti di avere la sua presenza”.

Papa Ratzinger, dunque, per la prima volta tornerà in Piazza San Pietro dall’ultima udienza generale da Papa, alla fine di febbraio di un anno fa. Nella solenne celebrazione in cui verranno canonizzati due suoi predecessori (Wojtyla, da lui beatificato e di cui è stato uno dei più stretti collaboratori) ha ritenuto di non poter non essere al fianco di papa Bergoglio. Sarà quindi tra i 150 cardinali e i 700 vescovi, tutti concelebranti, sulla sinistra del sagrato della basilica, mentre sotto il sagrato siederanno circa seimila sacerdoti. Finora, in questo anno da Pontefice emerito, aveva partecipato a una sola cerimonia pubblica nella basilica vaticana, il Concistoro presieduto da papa Francesco il 22 febbraio scorso per la creazione dei nuovi cardinali: ma quella non era una messa, e Benedetto XVI si limitò ad assistervi – salutato all’inizio e alla fine da Bergoglio – sedendosi per sua volontà all’ultimo posto dopo i cardinali dell’ordine dei vescovi, nel quadro del rigido “ordine di precedenza” dei protocolli ecclesiastici.

A portare le reliquie di Papa Roncalli saranno i quattro nipoti, il sindaco di Sotto il Monte e il presidente della Fondazione Giovanni XXIII. A portare la reliquia di Wojtyla sarà Floribeth Mora Diaz, la seconda persona da lui miracolata, con la famiglia, inoltre suor Marie, leggerà la preghiera dei fedeli in francese. Al termine, il Papa saluterà sul sagrato le delegazioni ufficiali. Durante questo momento un ragazzo italo-argentino figlio di migranti, Odino Faccia, canterà la poesia di Giovanni Paolo II intitolata “Busca la paz” (Cerca la pace). Il giovane cantante è stato nominato dal Nobel Adolfo Perez Esquivel ambasciatore di pace proprio per la canzone composta sul testo di Wojtyla. Nel primo pomeriggio comincerà la venerazione dei fedeli alle tombe dei due nuovi santi, nella Basilica vaticana: su quella di Giovanni Paolo II compare già la nuova lapide con la scritta “Sanctus”, non più “Beatus”.

Sulla destra del sagrato, invece, le 122 delegazioni ufficiali, con 24 capi di Stato, tra presidenti e reali, e dieci capi di governo. Per l’Italia saranno presenti sia il presidente Giorgio Napolitano con la signora Clio, sia il premier Matteo Renzi con la moglie Agnese; Ci saranno poi i reali di Spagna Juan Carlos e Sofia, gli ex regnanti del Belgio Alberto II e Paola, il premier francese Manuel Valls, il presidente del Libano Michel Suleiman, quello polacco Bronislaw Komorowski, il presidente del Consiglio Ue Herman Van Rompuy, e molti altri, compreso il presidente dello Zimbabwe Robert Mugabe, la cui partecipazione a cerimonie vaticane in passato è stata fonte di polemiche. Non parteciperà il premier dell’Ucraina Arsenyi Yatsenyuk, ripartito oggi per Kiev, dopo l’udienza dal Papa, per la grave situazione nel Paese.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook