Archiviato in | Calcio, Sport, Sport Brevi

CALCIO SERIE A: VERONA TRAVOLGE IL CATANIA 4-0

CALCIO SERIE A: VERONA TRAVOLGE IL CATANIA 4-0

Il Catania neanche prova a conquistare i tre punti che riavrebbero acceso le speranze di salvezza. Il Verona ha vinto 4-0 e ha travolto malamente il Catania che cala in serie B. La partita rappresentava l'ultimo, disperato tentativo di inseguire la salvezza, ma gli etnei, totalmente assenti ritornano umiliati e a capo chino

Print Friendly, PDF & Email

Calcio serie A. Dopo l’ennesima umiliazione stagionale che conferma in termini matematici la notizia di una retrocessione si stende un velo pietoso su novanta minuti che hanno lasciato gli spettatori siciliani senza parole. Comportamento calcistico che si potrebbe definire una rappresentazione metaforica di una squadra fantasma, totalmente assente nell’ultimo, disperato tentativo di inseguire la salvezza compromessa da tempo. Per continuare a crederci, al Catania sarebbero serviti una grande prova e i tre punti a Verona. Ma nulla è stato possibile. Effettivamente, dopo la recente vittoria contro la Sampdoria, priva di stimoli e piena di rincalzi, nessuno si era illuso che la squadra si sarebbe potuta trasformare così incatenata da troppi limiti e insicurezze. I rossoazzuri allo stadio Bentegodi, hanno interpretato la versione peggiore del copione, puntuali nel confermare un cammino terrificante. Il Catania si è sbriciolato in malo modo, offrendo una prestazione di una incapacità disarmante. I tifosi attendevano una gara all’ultimo sangue e ci si aspettava che vendessero cara la loro pelle: gli etnei neppure ci hanno provato. La resa è stata visibilmente immediata, assoluta e incondizionata, disputando la partita con una inesistente reazione. Il Verona era primo e sempre in possesso di palla, giocando con forza e nello stesso tempo senza troppi sforzi con una lucidità che dall’altra parte era inesistente.

Così la compagine di Pellegrino si è consegnata agli scaligeri sin dall’inizio. L’ammonizione dopo appena 43 secondi di Rolin per un fallo su Iturbe dice molto. Monzon posizionato nella parte bassa a sinistra era improponibile contro l’argentino, che in pochi minuti ha sfondato diverse volte: la prima è costata l’ammonizione all’uruguaiano e la seconda ha prodotto il gol del vantaggio, realizzato da Toni dopo una respinta di Frison. Quindi, Il 4-2-3-1 programmato da Pellegrino non ha proprio funzionato. La difesa quasi inesistente scricchilava, il duo Lodi-Rinaudo ha prodotto vistosi limiti sulla dinamicità della squadra travolta paurosamente dagli scaligeri. I calciatori posizionati sulla trequarti giravano a vuoto senza trovare alcuna posizione. Il Catania era inerme, senza riuscire a difendersi. L’uscita di Iturbe per un acciacco muscolare regalo della buona sorte non è servito neanche a dare nuova linfa ai rossazzurri, che intanto avevano già subito il 2-0, che si potrebbe definire una autorete di Frison: colpo di testa di Toni su cross di Sala, palla sulla traversa e poi carambola proprio sul portiere.

La partita già alla mezz’ora, si poteva considerare archiviata. Il Verona con poco sforzo ha triplicato con Marquinho che ha effettuato una precisa diagonale dal limite proprio allo scadere del primo tempo firmando così il poker nella ripresa con il nuovo entrato Gomez, imbeccato da Sala dopo un rinvio errato di Frison. Il Catania ha registrato al suo attivo solo un paio di tentativi da fuori di Leto e il debutto in Serie A di Simone Caruso, classe ’94, attaccante della Primavera, che restano gli unici segnali di vitalità di una squadra che è naufragata sotto il temporale del Bentegodi. E così a capo chino gli etnei umiliati da una schiacciante superiorità degli avversari e dal risultato 4-0 hanno lasciato il campo. Adesso un po’ di pazienza, restano ancora altre tre giornate e il campionato sarà terminato. A regalare il successo ai veronesi sono stati Luca Toni con una doppietta (6′, 28′), l’ex Roma Marquinho (45′) e Gomez (75′).

 

VERONA-CATANIA 4-0

Verona (4-3-3): Rafael 6, Pillud 6, Moras 6.5, Marques 6, Albertazzi 6, Sala 7, Donadel 6.5, Hallfredsson 7, Iturbe 7 (37′ pt Gomez 7), Toni 7.5 (31′ st Cacia sv), Marquinho 7 (19′ st Jankovic 6.5) (12 Nicolas, 96 Borra, 14 Cirigliano, 17 Donsah, 26 Rabusic, 22 Maietta, 23 Gonzalez, 29 Cacciatore, 33 Agostini). All.: Mandorlini 7.

Catania (4-2-3-1): Frison 5, Peruzzi 5, Spolli 4.5 (1′ st Gyomber 5.5), Rolin 4.5, Monzon 4 (36′ st Biraghi sv), Lodi 4, Rinaudo 4, Leto 5.5, Barrientos 4.5, Plasil 5, Bergessio 4.5 (20′ st Caruso 5.5) (35 Ficara, 6 Legrottaglie, 7 Fedato, 13 Izco, 19 Castro, 23 Boateng, 26 Keko, 33 Capuano). All.: Pellegrino 4.

Arbitro: Russo di Nola 6.

Reti: 6′ pt Toni, 28′ pt aut. Frison, 45′ pt Marquinho, 30′ st Gomez.

Note: angoli 8-2 per il Verona. Recupero: 2′ e 2′. Ammoniti: Rolin, Monzon e Rinaudo per gioco falloso. Spettatori: 19.856.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook