PALERMO: 25 APRILE RICORDO DELLA LIBERAZIONE

PALERMO: 25 APRILE RICORDO DELLA LIBERAZIONE

Si è svolta nel giardino inglese di Palermo la manifestazione per la liberazione italiana dal nazifascismo. Il sindaco Orlando è intervenuto e ha ricordato: "Coniugare la Resistenza con l'esperienza dei fasci siciliani e delle vittime della mafia. Un filo conduttore a difesa della legalità, dei diritti di democrazia"

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. I palermitani hanno ricordato la festa della liberazione nel giardino inglese, la manifestazione in occasione del 69esimo anniversario della Liberazione italiana dal nazifascismo. Il vicesindaco Cesare Lapiana, e il presidente regionale dell’Anpi Sicilia, Ottavio Terranova, hanno deposto delle corone di fiori sugli altari commemorativi dedicati ai martiri di Cefalonia e di Pompeo Colajanni nel ricordo di tutti i partigiani, deportati e caduti per la Liberazione. Alla cerimonia hanno partecipato, il prefetto Francesca Cannizzo, il questore Maria Rosaria Maiorino, oltre ai Sindaci di Pollina Magda Culotta e di San Mauro Castelverde, Mario Azzolini e allo storico partigiano Placido Armando Follari, noto col nome di battaglia di “Comandante Otello”. Anche il sindaco di Palermo Leoluca Orlando è intervenuto con una dichiarazione dicendo: “Oggi Palermo e la sua amministrazione comunale – ha detto il sindaco Leoluca Orlando – continua il suo percorso di tutela della memoria storica coniugando la Resistenza con l’esperienza dei fasci siciliani e delle vittime della mafia. Un filo conduttore a difesa della legalità, dei diritti di democrazia, libertà, lavoro, salute, ambiente, oggi riconosciuti dalla Carta Costituzionale. Conservare la memoria – ha concluso Orlando – è un impegno civile, che proseguirà il primo maggio per ricordare le vittime della strage di Portella della Ginestra e ribadire un impegno forte per i diritti dei lavoratori”. Il vicesindaco Cesare Lapiana presente alla manifestazione ha aggiunto: “Se ancora una volta celebriamo questo giorno di festa lo dobbiamo alla volontà e al sacrificio delle donne e degli uomini della Resistenza, che ha portato, con la sua vittoria, alla stesura della Carta Costituzionale che contiene tutti i diritti del cittadino: uguaglianza, legalità, di genere, che purtroppo, a distanza di tantissimi anni, non gode di un totale e convinto rispetto e per i quali, grazie alla maggioranza dei cittadini, esiste una resistenza silenziosa”. Poi i festeggiamenti sono proseguiti con un corteo che dal Giardino Inglese ha raggiunto il teatro Massimo sulla cui scalinata si è esibita la Corale della Polizia Municipale di Palermo, l’attrice Ivana Monti Barbato e il musicista Francesco Giuffrida.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook