REGIONE SICILIANA: MANOVRA BIS DA RISCRIVERE

REGIONE SICILIANA: MANOVRA BIS DA RISCRIVERE

Il testo è stato depositato qualche giorno fa per la discussione in aula. Dopo l’imposizione dei tagli a Regioni e Comuni dal dl Irpef da parte del governo nazionale il testo dovrà essere adeguato e riscritto. Operazione importante che coinvolge 30 mila dipendenti di enti e consorzi che non ricevono gli stipendi da quattro mesi

Print Friendly, PDF & Email

Regione Siciliana. Dopo l’approvazione del ddl ‘salva-imprese’, l’amministrazione Crocetta ora è chiamata a risolvere un altro problema importante che riguarda la manovra-bis. Il testo al quale aveva lavorato l’ex assessore all’Economia Luca Bianchi era già stato depositato all’Ars qualche giorno fa, ma, dopo l’imposizione dei tagli a Regioni e Comuni dal dl Irpef da parte del governo nazionale, il testo dovrà essere adeguato e riscritto. Con la restituzione di 80 euro in busta paga ai dipendenti con redditi medio-bassi, in Sicilia si parla di 90 milioni di euro, oltre a una stretta ulteriore al patto di stabilità, che potrebbe congelare una spesa pari a 90 mln. Il neo assessore all’Economia, Roberto Agnello, dovrà, quindi rivedere l’impostazione della manovra da 300 mln, fondamentale per potere dare respiro a 30 mila dipendenti di enti e consorzi, che non ricevono gli stipendi da quattro mesi. Per fare fronte alle richieste del governo centrale, Crocetta conta di recuperare circa 400 milioni tagliando la spesa farmaceutica, riducendo quella per l’acquisto di “beni e servizi” ed eliminando alcuni sprechi. Assieme al ddl ‘salva-imprese’ e al ddl per lo sviluppo in fase di stesura, per Crocetta la manovra-bis rientra in quello che lui stesso ha definito “il pacchetto salva Sicilia”. La manovra-bis resta in stand by così come le commissioni di riferimento dell’Ars. Infatti, la commissione Affari istituzionali, con all’ordine del giorno le variazioni, è stata disdettata.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook