Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

RAGUSA: SI DIEDE FUOCO PER EVITARE SFRATTO, CASA RESTITUITA ALL’ACQUIRENTE

RAGUSA: SI DIEDE FUOCO PER EVITARE SFRATTO, CASA RESTITUITA ALL’ACQUIRENTE

L'immobile, venduto 26 mila euro, un mese fa era stato affidato in custodia, con facoltà d'uso, alla vedova di Guarascio. La Procura di Ragusa aveva ottenuto dal gip l'affidamento dell’appartamento a Giorgia Famà, la vedova di Giovanni Guarascio. Il tribunale del riesame ha annullato il provvedimento e restituito l'immobile all’acquirente Orazio Sciagura.

Print Friendly, PDF & Email

Ragusa. Un mese fa l’immobile, venduto 26 mila euro, era stato affidato in custodia, con facoltà d’uso, alla vedova di Guarascio, Giorgia Famà, su decisione del Gip che aveva accolto la richiesta del procuratore Carmelo Petralia. Il giudice aveva deciso il sequestro preventivo per l’ipotesi di turbativa d’asta nell’aggiudicazione della casa al nuovo proprietario. Il Tribunale del riesame di Ragusa ha annullato il provvedimento di sequestro della casa del muratore di Vittoria, Giovanni Guarascio, che si diede fuoco e morì il 14 maggio dell’anno scorso, pur di non consegnarla al nuovo proprietario, Orazio Sciagura, che aveva vinto l’asta giudiziaria per l’immobile di via Brescia, in vendita per un debito con una banca, di circa diecimila euro, non onorato. Ora, il Riesame ha annullato il provvedimento e restituito l’immobile a Sciagura. Il Comitato contro le aste giudiziarie ha annunciato per domani iniziative di protesta.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook