PRESIDENTE GRASSO RICEVE LETTERA INTIMIDATORIA

PRESIDENTE GRASSO RICEVE LETTERA INTIMIDATORIA

La lettera è stata inviata alla sua abitazione di Palermo. Nella missiva la firma "I cittadini onesti di Palermo". All'interno un manoscritto di quattro pagine con minacce rivolte anche ai familiari con un flaconcino contenente del liquido giallo. Il procuratore Messineo ha dichiarato "Massima allerta"

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. Una lettera intimidatoria, inviata al presidente del Senato Piero Grasso nella sua abitazione di Palermo, è stata sequestrata dalla polizia nel centro meccanografico delle Poste dopo un accurato controllo ai raggi X. Nel plico era stato inserito un flaconcino di vetro colmo di un liquido giallo all’interno con la scritta “orange” e un manoscritto di quattro pagine e la firma: “I cittadini onesti di Palermo” applicato anche all’esterno nella parte dedicata al mittente. Scattato l’allarme sono intervenuti gli artificieri e la polizia scientifica. Sul contenuto della lettera gli inquirenti sono molto cauti e preferiscono al momento non sbilanciarsi, anche se il manoscritto è pieno di insulti e minacce nei confronti dell’ex procuratore nazionale antimafia. La lettera contiene anche insulti e minacce ai suoi familiari e soprattutto alla moglie Maria Fedele, insegnante impegnata nella diffusione della cultura della legalità. Gli investigatori hanno escluso che, oltre a uno scritto dai toni farneticanti, all’ex procuratore nazionale antimafia venga contestato di avere abbandonato la lotta a Cosa nostra. La busta conteneva un flaconcino con un liquido di colore giallo, che sarà sottoposto ad accertamenti scientifici, e la scritta “orange”. Non c’erano invece bossoli o frammenti di proiettili. È stata aperta un’inchiesta che viene coordinata dal sostituto procuratore Giuseppe Fici.

Il presidente Grasso, in passato è stato oggetto di numerose intimidazioni da parte di Cosa nostra, avevano progettato anche di ucciderlo con un attentato, martedì sera ha assistito al Teatro Biondo di Palermo alla prima dello spettacolo “Dopo il silenzio”, tratto dal suo ultimo libro “Liberi tutti”. Un testo in gran parte autobiografico cui l’ex magistrato ricostruisce non solo il suo impegno nella lotta a Cosa nostra ma anche l’attività svolta dalla moglie, Maria Fedele, che per oltre trent’anni anni ha insegnato nelle scuole a rischio di Palermo, nella diffusione della cultura della legalità. Il procuratore di Palermo, Francesco Messineo ha commentato l’accaduto: “Non direi che la lettera al procuratore Grasso renda l’atmosfera al palazzo di giustizia più pesante, il livello di allerta è comunque massimo, ma questa intimidazione non è rivolta a un personaggio che lavora qui”, poi ha aggiunto “Faremo tutti gli accertamenti necessari per capire la provenienza e il livello di attendibilità delle minacce”. E’ in fase di valutazione, la coincidenza temporale dell’arrivo della lettera con una dichiarazione di Grasso che proprio ieri aveva chiesto al Parlamento di fare la propria parte per l’accertamento delle verità sulle stragi terroristiche e mafiose.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook