Archiviato in | Musica, Spettacolo

MONDO MARCIO RACCONTA LA SUA MUSICA

MONDO MARCIO RACCONTA LA SUA MUSICA

Simone Russo ha intervistato per informaSicilia, Mondo Marcio che ha incontrato i fans catanesi presso la libreria "La Feltrinelli". Fans provenienti da tutto l’hinterland catanese,

Print Friendly, PDF & Email

Mondo Marcio. Berretto nero, occhiali da sole, felpa grigia con il cappuccio è il look scelto da Mondo Marcio per incontrare i suoi fan catanesi presso la libreria “La Feltrinelli”.Fan provenienti da tutto l’hinterland catanese, hanno accolto il noto rapper e beat maker milanese reduce dal suo ultimo lavoro discografico “Nella bocca della Tigre”, dove all’interno di ogni singolo c’è un campione di un brano di Mina scelto tra il suo repertorio. Un concept album, quindi, che scorre su due linee parallele, l’una più strettamente legata alle rime di Mondo Marcio, l’altra insita nella presenza costante e avvolgente di Mina, la Tigre di Cremona.

Come è nata questa collaborazione con Mina?

“Stavo facendo dei provini un po’ diversi dal solito e in questi c’era anche una canzone che conteneva il sample di “Un bacio è troppo poco” di Mina alla quale ho mandato la canzone e le è piaciuta molto. Mi ha chiesto come mai e le ho spiegato che da sempre ero un suo fan. Da lì, l’idea di farne altre ed ecco nascere un concept album. Un rischio da parte di entrambi perché se non ci piaceva il risultato finale non se ne sarebbe fatto nulla. Lei ha ascoltato l’album è mi ha dato il suo “okkay” senza cambiare una virgola. Carta bianca. Questo non è una co-produzione né un disco tributo. Questo è un disco con il mio linguaggio”.

Un linguaggio che principalmente viene ascoltato da un pubblico giovane. Visto gli argomenti che tratti non pensi di avere responsabilità quando scrivi un pezzo?

“In realtà capita molto spesso che i ragazzi prendano me ad esempio, però cerco di non pensarci. Perchè non sono l’artista o la persona che fa la cosa giusta. Raramente io faccio la cosa giusta. Quello che ci tengo ad essere non è un esempio ma una seconda opinione. Un alternativa ai giornali, al telegiornale e ai genitori. Un amico che ti dice che le cose possono andare anche così. Un confronto in più che magari ti può fare ragionare in maniera diversa. Non necessariamente giusta perché nessuno al mondo può dirti cosa è giusto, poiché nessuno ha la sfera di cristallo. Le mie canzoni sono le voci di chi voce non ha”.

A distanza di anni dal tuo esordio, come vedi la quotidianità. Ancora un “mondo marcio”?

“In questo album c’è il brano “La fiera della vanità” che descrive proprio questa recita che c’è in Italia. C’è il calcio, le ragazze in prima serata con il culo di fuori. Questa illusione di benessere che però è andata a farsi benedire dal 2007 in poi perché la gente ha confrontato quello che vedeva in tv con quello che succedeva suo conto in banca e forse non è esattamente come c’è lo stanno facendo vedere in tv”.

E a livello musicale rimangono solo i talent?

“Non va visto come un percorso ne è una gavetta. È uno show. Non è da condannare però non deve essere vista come un’alternativa. Molti i ragazzi la vedono come soluzione ma prima c’è bisogno di farsi un mazzo e soprattutto di distinguersi, come in tutti gli altri lavori”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook