Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

TRAPANI: CASO DENISE, LA MAMMA CERCA GIUSTIZIA

TRAPANI: CASO DENISE, LA MAMMA CERCA GIUSTIZIA

Trapani. Inizia a Palermo il processo d'appello per Jessica Pulizzi, accusata di concorso nel sequestro della piccola Denise Pipitone, scomparsa da Mazara del Vallo il primo settembre 2004. Nel processo di primo grado la sorellastra fu assolta, mentre i pm avevano chiesto 15 anni di carcere.

Print Friendly, PDF & Email

Trapani. Inizia il processo d’Appello per la sparizione di Denise Pipitone, la piccola che all’età di quattro anni scomparve da Mazara del Vallo (Trapani) di cui si sono perse le tracce il primo settembre del 2004. Alla sbarra ancora una volta Jessica Pulizzi, la sorellastra di Denise, figlia dello stesso padre di Denise (Piero Pulizzi) accusata di concorso nel sequestro. In primo grado era stata assolta ”per non aver commesso il fatto”, anche se nella motivazione era specificato per ”mancata o insufficiente formazione della prova”. Nel processo, i pubblici ministeri Sabrina Carmazzi e Francesca Rago avevano invocato per Jessica Pulizzi la condanna a 15 anni di carcere. ”Una serie di indizi chiari, univoci e convergenti – affermarono i pm nella requisitoria – inducono a ritenere che Jessica sia stata l’autrice del sequestro. E’ colpevole senza alcun dubbio. Anche se non può aver agito da sola”. il Tribunale condannò, invece, a 2 anni di reclusione Gaspare Ghaleb, 28 anni, ex fidanzato di Jessica che rese false dichiarazioni al pm. Il processo di primo grado per il sequestro di Denise fu avviato il 16 marzo 2010 e poi protratto per 44 udienze. La piccola non si trovò più tra le 11.45 e le 11.50 del primo settembre 2004. Era intenta a giocare nel cortile davanti casa, in via Domenico La Bruna, mentre la nonna materna, Francesca Randazzo, cui era stata affidata, stava preparando il pranzo e di tanto in tanto la controllava dalla porta di casa.

L’ultimo a vedere Denise sarebbe stato un cuginetto che abitava poco distante. Piera Maggio, madre di Denise, non si è mai rassegnata alla scomparsa chiedendo anche l’aiuto di tutta la stampa dalle istituzioni al Papa. Ora Piera Maggio ritorna ad affrontare un altro processo, quello che si celebra davanti alla Corte d’Appello di Palermo e non crede che con Jessica potrà mai esserci un chiarimento: “Ormai – dice – solo la giustizia potrà darmi le risposte che attendo da dieci anni”.  Poi aggiunge: “Dopo dieci anni di sofferenze e di speranze cerchiamo ancora giustizia” solo la “vera verità. È stata usata una formula che non chiarisce nulla. Noi affidiamo ora a questa corte la speranza di sapere esattamente ciò che a Denise è stato fatto. Lo dico come madre che non ha mai perso la speranza di rivedere la propria creatura: i bambini non si toccano, non possono essere violati. Siamo qui per affermare anche questo semplice principio di civiltà”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook